VENERDÌ 03 APRILE 2015, 19:41, IN TERRIS

"QUANTI PRIGIONIERI SI TROVANO NELLE CONDIZIONI DI GESU'"

Padre Raniero Cantalamessa ha tenuto l'omelia nella Basilica Vaticana

STEFANO CICCHINI
"QUANTI PRIGIONIERI SI TROVANO NELLE CONDIZIONI DI GESU'"
Papa Francesco ha presieduto nella Basilica Vaticana la celebrazione della Passione del Signore. Il Santo Padre, che all'inizio della celebrazione è rimasto prostrato sul pavimento, in preghiera, per circa due minuti, ha poi seguito seduto la lettura e il canto del racconto biblico della Passione. Successivamente padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, ha tenuto l’omelia. “Quanti ‘Ecce homo’ nel mondo – ha affermato –. Quanti prigionieri che si trovano nelle stesse condizioni di Gesù nel pretorio di Pilato: soli, ammanettati, torturati, in balia di militari rozzi e pieni di odio, che si abbandonano a ogni sorta di crudeltà fisica e psicologica, divertendosi a veder soffrire”.

Dinanzi ai cristiani perseguitati e uccisi ancora oggi, ha osservato, “rischiamo di essere tutti, istituzioni e persone del mondo occidentale, dei Pilati che si lavano le mani”. Ha poi sottolineato che il Figlio di Dio sul Calvario “pronuncia un definitivo ‘No!’ alla violenza, opponendo ad essa, non semplicemente la non-violenza, ma, di più, il perdono, la mitezza e l’amore. Se ci sarà ancora violenza, essa non potrà più, neppure remotamente, richiamarsi a Dio e ammantarsi della sua autorità”. I veri martiri di Cristo, ha soggiunto, “non muoiono con i pugni chiusi ma con le mani giunte. Ne abbiamo avuto tanti esempi recenti. È lui che ai 21 cristiani copti uccisi dall’Isis in Libia il 22 Febbraio scorso, ha dato la forza di morire sotto i colpi, mormorando il nome di Gesù”.

“Signore Gesù Cristo – ha concluso padre Cantalamessa – ti preghiamo per i nostri fratelli di fede perseguitati, e per tutti gli Ecce homo che ci sono, in questo momento, sulla faccia della terra, cristiani e non cristiani”. La liturgia si è conclusa con la preghiera universale, l’adorazione della Santa Croce e la Comunione. Il vescovo di Roma, attorno alle ore 21, si reca al Colosseo per la tradizionale Via Crucis del venerdì santo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni