VENERDÌ 19 GENNAIO 2018, 17:19, IN TERRIS


PAPA IN PERÙ

"Preservare l'Amazzonia dai nuovi colonialismi"

A Puerto Maldonado l'incontro del Pontefice con i popoli indigeni: "Difendere l'ambiente significa difendere la vita"

FABIO BERETTA
Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
D

ifendere il pianeta "non ha altra finalità che non sia la difesa della vita". Tutti conoscono "la sofferenza che alcuni" popoli dell'Amazzonia "patiscono per le fuoriuscite di idrocarburi che minacciano seriamente la vita delle vostre famiglie e inquinano il vostro ambiente naturale". Infatti, l’Amazzonia, "oltre ad essere una riserva di biodiversità, è anche una riserva culturale che deve essere preservata di fronte ai nuovi colonialismi ideologici mascherati da progresso che a poco a poco entrano e dilapidano identità culturali e stabiliscono un pensiero uniforme, unico... e debole".E' il monito che lancia Papa Francesco dal Coliseo Madre de Dios di Puerto Maldonado, in Perù, dove incontra i popoli indigeni dell'Amazzonia, prima tappa della seconda parte del suo Viaggio Apostolico in Sud America


La saggezza degli indios

Al suo arrivo viene accolto dal Vicario Apostolico di Puerto Maldonado, mons. David Martínez de Aguirre Guinea, dal Governatore e dal Sindaco. Nel Coliseo sono presenti circa 4.000 indigeni, rappresentanti di diversi popoli autoctoni. I canti e le danze tipici dei popoli autoctoni scandiscono i vari momenti dell'incontro, e dopo la testimonianza di alcuni indigeni e la consegna dell’Enciclica Laudato Si’ nelle lingue locali, mentre viene eseguito un canto Machirenga. Il Pontefice prende poi la parola. Ringrazia i presenti, le autorità locali, civili ed ecclesiastiche. Nomina uno ad uno tutti i popoli rappresentati nell'arena: Harakbut, Esse-ejas, Matsiguenkas, Yines, Shipibos, Asháninkas, Yaneshas, Kakintes, Nahuas, Yaminahuas, Juni Kuin, Madijá, Manchineris, Kukamas, Kandozi, Quichuas, Huitotos, Shawis, Achuar, Boras, Awajún, Wampís. Tante le popolazioni che vengono dalle Ande: "Un volto plurale, di un’infinita varietà e di un’enorme ricchezza biologica, culturale, spirituale". Citando diversi passaggi della sua Enciclica, sottolinea la bellezza dell'Amazzonia, facendo notare come l'uomo che non abita "queste terre" abbia bisogno "della vostra saggezza e delle vostre conoscenze per poterci addentrare, senza distruggerlo, nel tesoro che racchiude questa regione". 


"No a complicità silenziose"

Una regione, rimarca, che necessita di una particolare cura. E per farlo è necessario "educare" gli uomini all'ascolto degli anziani: "Essi dispongono di una saggezza che li pone a contatto con il trascendente e fa loro scoprire l’essenziale della vita. Non dimentichiamoci che la scomparsa di una cultura può essere grave come o più della scomparsa di una specie animale o vegetale". Ma l'Amazzonia non viene devastata solo dal punto di vista ambientale. "Parallelamente - afferma il Papa -, esiste un’altra devastazione della vita che viene provocata con questo inquinamento ambientale causato dall’estrazione illegale". Bergoglio fa riferimento alla tratta di persone, alla mano d’opera schiavizzata e all’abuso sessuale. E spiega: "La violenza contro gli adolescenti e contro le donne è un grido che sale al cielo. Mi ha sempre addolorato la situazione di coloro che sono oggetto delle diverse forme di tratta di persone". E ammonisce: "Non facciamo finta di niente. Ci sono molte complicità. La domanda è per tutti!".

Il suo pensiero va poi a quei popoli denominati “Popoli Indigeni in Isolamento Volontario": "Sappiamo che sono i più vulnerabili tra i vulnerabili. Il retaggio di epoche passate li ha obbligati a isolarsi persino dalle loro stesse etnie, iniziando una storia di reclusione nei luoghi più inaccessibili della foresta per poter vivere in libertà". E aggiunge: "Continuate a difendere questi fratelli più vulnerabili. La loro presenza ci ricorda che non possiamo disporre dei beni comuni al ritmo dell’avidità del consumo. E’ necessario che esistano limiti che ci aiutino a difenderci da ogni tentativo di distruzione di massa dell’habitat che ci costituisce".

Riconoscere queste popolazioni, "che non possono mai essere considerati una minoranza, ma autentici interlocutori - sottolinea -, come pure di tutti i popoli originari, ci ricorda che non siamo i padroni assoluti del creato". Da qui l'invito a educare tutti i popoli del pianeta a costruire ponti per "generare una cultura dell’incontro". "La scuola e l’educazione dei popoli originari dev’essere una priorità e un impegno dello Stato - spiega -, impegno integrante e inculturato che assuma, rispetti e integri come un bene di tutta la nazione la loro sapienza ancestrale".


Proteggere i popoli dell'Amazzonia

Quindi, un appello ai Vescovi affinché "continuino a promuovere spazi di educazione interculturale e bilingue nelle scuole e negli istituti pedagogici e universitari". Francesco si complimenta per le iniziative intraprese dalla Chiesa peruviana dell’Amazzonia per la promozione dei popoli originari. E aggiunge: "Mi congratulo anche con tutti quei giovani dei popoli originari che si sforzano di elaborare, dal proprio punto di vista, una nuova antropologia e lavorano per rileggere la storia dei loro popoli dalla loro prospettiva. Inoltre mi congratulo con quelli che, per mezzo della pittura, della letteratura, dell’artigianato, della musica, mostrano al mondo la loro visione del cosmo e la loro ricchezza culturale. Molti hanno scritto e parlato su di voi. E’ bene che adesso siate voi stessi ad autodefinirvi e a mostrarci la vostra identità. Abbiamo bisogno di ascoltarvi".


Il Sinodo del 2019

Infine, spiega i motivi che lo hanno spinto a convocare nel 2019 un Sinodo per l'Amazzonia: "Quanti missionari e missionarie si sono impegnati con i vostri popoli e hanno difeso le vostre culture! Lo hanno fatto ispirati dal Vangelo. Anche Cristo si è incarnato in una cultura, quella ebrea, e a partire da quella, si è donato a noi come novità per tutti i popoli in modo che ciascuno, a partire dalla propria identità, si senta autoaffermato in Lui. Non soccombete ai tentativi che ci sono di sradicare la fede cattolica dei vostri popoli. Ogni cultura e ogni visione del cosmo che accoglie il Vangelo arricchisce la Chiesa con la visione di una nuova sfaccettatura del volto di Cristo. La Chiesa non è aliena dalla vostra problematica e dalla vostra vita, non vuole essere estranea al vostro modo di vivere e di organizzarvi. Abbiamo bisogno che i popoli originari plasmino culturalmente le Chiese locali amazzoniche. Aiutate i vostri Vescovi, i missionari e le missionarie affinché si uniscano a voi, e in questo modo, dialogando con tutti, possano plasmare una Chiesa con un volto Amazzonico e una Chiesa con un volto indigeno. Con questo spirito ho convocato un Sinodo".

Poi il saluto in lingua quechua: "Prego per voi, per la vostra terra benedetta da Dio, e vi chiedo, per favore, di non dimenticarvi di pregare per me. Grazie! Tinkunakama (al prossimo incontro)".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
PAPA IN PERÙ

Il grido degli indigeni: "Ci difenda"

La testimonianza dei popoli amazzonici all'incontro con il Pontefice

Due indigene mentre si preparavano all'incontro nel Coliseo Madre de Dios (foto da Twitter)
Papa Francesco è giunto a Puerto Maldonado per uno dei momenti clou del suo viaggio in Perù, l'incontro con i popoli indigeni....

"Non ignoriamo le complicità della tratta"

Testo integrale dell'incontro del Pontefice con i popoli dell'Amazzonia a Puerto Maldonado

Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
NEWS
Don Buonaiuto a Storie Italiane
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Nessuno ha il diritto di comprare un'altra persona"

Il sacerdote della Papa Giovanni XXIII è intervenuto nella trasmissione "Storie Italiane"
ITALIA

Cresce la sanità integrativa

Ad usufruirne sono 13 milioni di italiani
Smog
SMOG

Dal 19 al 21 febbraio torna il blocco dei diesel

Le regioni interessate sono Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lazio
I danni alla sede della Lega di Ala
TRENTO

Cellula terroristica di matrice anarchica: 7 arresti

Salvini: "Nessuna tolleranza per violenti e criminali"
Aeroporto di Ciampino
CIAMPINO

Fiamme in aeroporto: evacuato

L'incendio è stato spento. Accertamenti da parte della polizia
Una statua della Madonna danneggiata in India
INTOLLERANZA RELIGIOSA

In India vogliono rimuovere le statue dei sacerdoti

Un leader nazionalista ha detto che il monumento di un missionario gesuita è offensivo
L'epicentro del terremoto
MESSINA

Scossa di Terremoto 3.3 in Sicilia

Ipocentro a 70 km di profondità ed epicentro tra Castel di Lucio
Matteo Renzi
PARTITO DEMOCRATICO

Renzi: "Miei genitori pagano il mio impegno politico"

L'ex premier: "Non grido ai complotti ma arresto misura abnorme. Oscurato caso Diciotti"
Arresti e perquisizioni in Veneto
VENEZIA

Camorra in Veneto: 50 arresti

Sequestrati anche beni per 10 milioni di euro
L'università europea di Roma

Forza vitale e trascendentale

Ieri si è inaugurato l’anno accademico della Università Europea a Roma, promossa dai...