VENERDÌ 10 APRILE 2015, 16:29, IN TERRIS

POCHI FEDELI, IL PARROCO METTE I MANIFESTI PER ATTIRARLI IN CHIESA

Il fenomeno dell'abbandono delle parrocchie è generalizzato in tutta l'Europa, ma i sacerdoti cercano di contrastarlo, come Don Luigi a Nemi

AUTORE OSPITE
POCHI FEDELI, IL PARROCO METTE I MANIFESTI PER ATTIRARLI IN CHIESA
POCHI FEDELI, IL PARROCO METTE I MANIFESTI PER ATTIRARLI IN CHIESA
C’è carestia di fedeli nelle parrocchie. I parroci, per cercare di tamponare, le stanno provando tutte, persino improvvisandosi pubblicitari con ingegnosi richiami per “pecorelle smarrite”. È questo il caso di Nemi, dove il parroco di Santa Maria del Pozzo, don Luigi Caria ha preso spunto addirittura dagli spot che invitano a non abbandonare gli animali. Nella bacheca parrocchiale, don Luigi ha affisso da tempo un manifesto in cui si legge: “Campagna contro l’abbandono del battesimo”. Sotto questo titolo che risveglia la curiosità, si legge: "Ogni anno migliaia di battesimi versano in stato di abbandono, in quanto vengono lasciati dai loro proprietari nelle 'piazzole' dei registri parrocchiali. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per fermare questa tragedia. Da ora in poi fai una scelta responsabile. Adotta il tuo battesimo e portalo sempre con te!".

L’idea nasce dal fatto che il sacerdote vede ogni domenica coppie che scelgono di battezzare i propri figli, ma poi non li vede più mettere piede in chiesa. Al che ha pensato di correre ai ripari, ironizzando e lanciando un monito alle “pecorelle smarrite”. È preoccupato inoltre che il battesimo sembra ormai solo un’iscrizione ai registri, mentre è “è un atto che andrebbe fatto con una maggiore consapevolezza e che si dovrebbe dare un seguito al gesto, non dimenticarlo".

Della stessa opinione è anche il sociologo Marco Marzano, docente all’università di Bergamo, il quale afferma che battezzarsi oggi è “come andare a gare il vaccino”. È un’occasione di socialità, per fare festa, per rivedere i parenti e banchettare, insomma “si fa entrare il bambino in società”. Secondo il professore don Luigi è riuscito a risvegliare un po’ la curiosità dei fedeli, ma ha soprattutto invitato alla riflessione, ovvero a prendere maggiore consapevolezza di ciò che si fa. Quella dei tempi moderni non è una perdita di fede globale, perché l’effetto si riscontra in tutto il mondo occidentale, ma piuttosto indifferenza. Esiste infatti una enorme zona di grigio di persone che non hanno una sfiducia attiva nella religione, ma nell’epoca moderna ciò che viene meno è il precetto di andare in chiesa, la gente ha preso le distanze da certe funzioni che riveste questa istituzione.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"