GIOVEDÌ 16 APRILE 2015, 17:00, IN TERRIS

IL PONTEFICE: "IL DIALOGO CI FA CONOSCERE LA SALVEZZA DI DIO"

Nella messa mattutina a Santa Marta Francesco parla di obbedienza e dell'importanza del dialogo

AUTORE OSPITE
IL PONTEFICE:
IL PONTEFICE: "IL DIALOGO CI FA CONOSCERE LA SALVEZZA DI DIO"
“Chi non sa dialogare non obbedisce a Dio e vuole far tacere quanti predicano la novità di Dio”, questo è quello che ha affermato oggi il Papa durante la Messa del mattino celebrata nella Cappella di Casa Santa Marta.  La liturgia del giorno ci parla dell’obbedienza, ed è proprio questa che ci porta “per una strada che non è quella che io penso” che deve essere. Per questo non è solo un atto di sottomissione, ma un vero e proprio gesto di coraggio “di cambiare strada, quando il Signore ci chiede questo”.

Commenta la prima lettura, tratta dagli Atti degli Apostoli, nella quale i sacerdoti e i capi ordinano ai discepoli di non predicare più il Vangelo. Gli undici vengono poi incarcerati, ma di notte l’Angelo di Dio li libera e tornano ad annunciare la Buona Novella. Fermati e interrogati di nuovo, Pietro risponde alle minacce del sacerdote: “Bisogna obbedire a Dio, invece che agli uomini”. Il pontefice ci avvicina ai sacerdoti, che non capivano, non perché non conoscessero la storia del popolo, la teologia o le profezie, ma perché “sono stati incapaci di riconoscere la salvezza di Dio”, afferma Francesco, a causa della testardaggine di testa e di cuore.

Ed è proprio questa testardaggine, ammonisce il Papa, che porta a chiudersi in se stessi, a “non dialogare”: “Questo è il dramma di questi dottori di Israele, di questi teologi del popolo di Dio: non sapevano ascoltare, non sapevano dialogare. Il dialogo si fa con Dio e con i fratelli”. E il segno che rivela che una persona “non sa dialogare”, “non è aperta alla voce del Signore, ai segni che il Signore fa nel popolo” – afferma il Papa - è la “furia e la voglia di far tacere tutti quelli che predicano in questo caso la novità di Dio, cioè Gesù è risorto”. Conclude poi invitando a pregare per i maestri, per i dottori, per quelli che insegnano al popolo di Dio, perché “non si chiudano, perché dialoghino”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"