VENERDÌ 14 APRILE 2017, 18:45, IN TERRIS

Padre Cantalamessa: "Nella croce di Cristo il senso della sofferenza del mondo"

In San Pietro la celebrazione "In Passione Domini" presieduta da Papa Francesco

GAETANO PACIELLO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Padre Cantalamessa:
Padre Cantalamessa: "Nella croce di Cristo il senso della sofferenza del mondo"
"La croce non 'sta' contro il mondo, ma per il mondo: per dare un senso a tutta la sofferenza
che c’è stata, c’è e ci sarà nella storia umana. La croce è la proclamazione vivente che la vittoria finale non è di chi trionfa sugli altri, ma di chi trionfa su se stesso; non di chi fa soffrire, ma di chi soffre". Così Padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, si è rivolto a Papa Francesco e ai tanti fedeli che gremivano la basilica di San Pietro per la celebrazione della Passione di Gesù.

Una morte che cambia la storia


Il Vangelo proclamato durante la celebrazione, ha affermato il frate, è "il resoconto di una morte violenta", come quelle che "non mancano quasi mai dai notiziari serali. Anche in questi ultimi giorni ne abbiamo ascoltate, come quella dei 38 cristiani copti uccisi in Egitto la domenica delle Palme. Queste notizie si susseguono con tale rapidità da farci dimenticare ogni sera quelle del giorno prima. Perché allora, dopo 2000 anni, il mondo ricorda ancora, come fosse avvenuta ieri, la morte di Cristo? È che questa morte ha cambiato per sempre il volto della morte" perché ha dato un nuovo senso agli esseri umani.

Gesù, agnello immolato


Il predicatore ha citato i testi biblici scritti da San Giovanni apostolo, tra cui quello dell?Apocalisse, dove si parla di un agnello immolato, figura del sacrificio di Cristo: "Immolato, ma in piedi, cioè trafitto, ma risorto e vivo. Esiste ormai, dentro la Trinità e dentro il mondo, un cuore umano che pulsa, non solo metaforicamente, ma realmente. Se Cristo, infatti, è risorto da morte, anche il suo cuore è risorto da morte; esso vive, come tutto il resto del suo corpo, in una dimensione diversa da prima, reale, anche se mistica". "È stata creata un’espressione per descrivere il colmo della malvagità che può ammassarsi in seno all’umanità - ha aggiunto -: 'cuore di tenebra'. Dopo il sacrifico di Cristo, più profondo del cuore di tenebra, palpita nel mondo un cuore di luce. Cristo, infatti, salendo al cielo, non ha abbandonato la terra, come, incarnandosi, non aveva abbandonato la Trinità".

"No" al peccato, "Sì" al peccatore


Ricordando il motto dei monaci certosini ("Stat crux dum volvitur orbis", ovvero "Sta immobile la croce, tra gli sconvolgimenti del mondo") padre Cantalamessa ha spiegato cosa rappresenta la croce: "Essa è il 'No' definitivo e irreversibile di Dio alla violenza, all’ingiustizia, all’odio, alla menzogna, a tutto quello che chiamiamo 'il male'". Ma allo stesso tempo è il "Si" irreversibile all’amore, alla verità, al bene. 'No' al peccato, 'Si' al peccatore". E questo perché "il peccatore è creatura di Dio e conserva la sua dignità, nonostante tutti i propri traviamenti". Al contrario, il peccato "è una realtà spuria, aggiunta, frutto delle proprie passioni. È la stessa ragione per cui il Verbo, incarnandosi, ha assunto tutto dell’uomo, eccetto il peccato". La croce, allora, non è un qualcosa che va contro il mondo, anzi, è "per il mondo, per dare un senso a tutta la sofferenza che c’è stata, c’è e ci sarà nella storia umana".

Dove muore Dio muore l'uomo


"È stato detto - ha proseguito il frate - che 'uccidere Dio è il più orrendo dei suicidi', ed è quello che in parte stiamo vedendo. Non è vero che 'dove nasce Dio, muore l’uomo'; è vero il contrario: dove muore Dio, muore l’uomo". Quindi, ha descritto la tela di Salvador Dalì che raffigura una croce immensa, con sopra un Cristo altrettanto monumentale, visto dall’alto, con il capo reclinato verso il basso. Sotto di lui non c’è la terra ferma, ma l’acqua. Sullo sfondo compare una nube che potrebbe alludere alla nube atomica. E' un'immagine "tragica", che tuttavia "contiene una consolante certezza: c’è speranza anche per una società liquida come la nostra! C’è speranza, perché sopra di essa 'sta la croce di Cristo'".

Cristo si è incarnato per cambiare le persone


Criticando il ruolo dei sociologi, che si fermano alla mera "analisi" della società in cui viviamo, il predicatore della Casa Pontificia ha sottolineato: "Cristo non è venuto a spiegare le cose, ma a cambiare le persone. Il cuore di tenebra non è soltanto quello di qualche malvagio nascosto in fondo alla giungla, e neppure quello della società che lo ha prodotto. In misura diversa è dentro ognuno di noi".

Un cuore di carne


Nel concludere la sua omelia, padre Cantalamessa ha ricordato: "Il cuore di carne, promesso da Dio nei profeti, è ormai presente nel mondo: è il Cuore di Cristo trafitto sulla croce, quello che veneriamo come 'il Sacro Cuore'. Nel ricevere l’Eucaristia, crediamo fermamente che quel cuore viene a battere anche dentro di noi. Guardando la croce diciamo dal profondo del cuore, come il pubblicano nel tempio: 'O Dio, abbi pietà di me peccatore!, è anche noi, come lui, torneremo a casa giustificati'".

 
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ECOBONUS

Tornano gli incentivi per le auto ecologiche

Fino al 20 novembre è possibile acquistare una nuova auto con lo sconto fino a 4.000 euro
INCIDENTI IN MONTAGNA

Alpinista scivola e muore in Valle Camonica

L’uomo, insieme a due amici per una scalata, è caduto per cento metri prima dello Spigolo Cassin. Per recuperare il...
GALLARATE

Aggressione al sacrestano di colore: “Ora temo per la mia vita”

L’uomo, originario del Burundi e cittadino italiano dal 2015, è stato attaccato da un uomo che lo ha spesso...
Ida Colucci, ex-direttrice del Tg2
GIORNALISMO

Lutto al Tg2, scomparsa Ida Colucci

Direttrice del telegiornale, ha dedicato la sua vita all'informazione
Simon Gautier
CILENTO

Aperta un'inchiesta sulla morte di Simon Gautier

L'ipotesi è che, dopo aver lanciato l'allarme, il 27enne sia deceduto nell'arco di 45 minuti
MIGRANTI

La Spagna apre i porti nelle Baleari, Open Arms vuole sbarcare a Lampedusa

La Francia è disposta ad accogliere 40 migranti. I 27 minori non accompagnati oggi a Porto Empedocle saranno trasferiti...
Hicham Boukssid, la vittima Hui
REGGIO EMILIA

Si è costituito il presunto killer di Stefania

La barista di origini cinesi era stata accoltellata lo scorso 8 agosto nel bar dove lavorava
La balenottera spiaggiata a Cala de Figo
SPAGNA

La gru tenta di sollevare il corpo della balena ma spezza la coda

L'incidente a Navia, nelle Asturie: il cetaceo era rimasto spiaggiato in una cala vicina e oggetto di selfie prima della...
Rifiuti
MUNICIPIO XI

Rifiuti: prima multa per violazione dell'ordinanza Raggi

Un uomo ha gettato l'immondizia contenuta in sacco nero e non trasparente
L'incendio e i soccorsi
SPAGNA

Incendio nell'isola di Gran Canaria: 4000 evacuati

E' il secondo rogo in pochi giorni, Torres: "Danno ambientale"