Onu, l’intervento di mons. Gallagher sulla protezione delle minoranze religiose nei conflitti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32

Pubblichiamo di seguito l’intervento che il Segretario per i Rapporti con gli Stati, Mons. Paul R. Gallagher, ha pronunciato ieri Presso la sede delle Nazioni Unite a New York, alla 72 ma Sessione dell’Assemblea Generale dell’Onu, sulla protezione delle minoranze religiose nei conflitti.

L’intervento di Mons. Paul R. Gallagher

“Eccellenze, illustri Colleghi, Signori e Signori,

“È un onore partecipare all’evento laterale di questa mattina sulla Protezione delle minoranze religiose in conflitto, promosso dalla Missione permanente dell’Ungheria in collaborazione con la Missione permanente dell’osservatore della Santa Sede e l’Istituto per la Diplomazia culturale.

“La necessità di concentrarsi sulla salvaguardia delle minoranze religiose in situazioni di guerra e di conflitti nasce dalla realtà rivoltante che, come tutti noi abbiamo visto negli ultimi anni in varie parti del mondo sanguigno, la guerra e il conflitto spesso forniscono il contesto le minoranze religiose siano destinate alla persecuzione, alle forze sessuali e alle forme di violenza fisica, sottomissione, falsa detenzione, espropriazione di proprietà, schiavitù, esilio forzato, omicidio, pulizia etnica e altri crimini contro l’umanità.

“L’esperienza recente rende la protezione delle minoranze religiose una delle responsabilità più urgenti della comunità internazionale. Tale protezione deve estendersi oltre la semplice prevenzione dell’annunziazione prevista o effettiva delle minoranze, ma deve comprendere l’esame e l’indirizzamento delle cause fondamentali della discriminazione e della persecuzione contro di esse e incoraggiano la vigorosa difesa e la tutela della loro dignità umana, dei diritti alla vita e alla libertà coscienza e religione.

Rapporto annuale del 2016

“Quando esaminiamo la situazione mondiale, vediamo che la persecuzione delle minoranze religiose non è un fenomeno isolato a una regione, come, ad esempio, le barbarie commesse dall’Isis in Medio Oriente. La Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale nel suo rapporto annuale del 2016 ha dichiarato che esistono gravi irregolarità sistematiche continue e violente della libertà religiosa che si verificano in 27 diversi paesi.

La Relazione Religiosa nel mondo nel 2016 da un aiuto alla Chiesa nel bisogno ha affermato che 38 dei mondi 196 hanno dimostrato inequivocabilmente le violazioni significative della libertà religiosa, con 23 che rappresentano una totale persecuzione. Il rapporto interinale del sig. Heiner Bielefeldt, allora relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà religiosa o credente, ha descritto che le violazioni dei diritti religiose delle minoranze superano le violazioni metodiche, continue e terribili commesse da attori statali e non statali, come terrorismo, vigilanza, massa e singoli omicidi, deportazioni forzate, pulizia etnica, stupro e rapimento delle donne e loro vendita in schiavitù, distruzione e confisca di proprietà, attacchi contro i convertiti e coloro che si suppone di averli indotti e incoraggiati o condonati la violenza contro i non credenti e le persone appartenenti a minoranze religiose. Essi includono anche,

Violenze diffuse

“Insomma, queste tre relazioni estesamente ricercate dell’anno scorso mostrano che gli attacchi contro le minoranze religiose sono piuttosto diffuse. Mentre quasi tutti i gruppi di fede identificabili sperimentano un certo grado di persecuzione da qualche parte nel mondo, i cristiani rimangono i più perseguitati. Inoltre, c’è stato un aumento degli attacchi antisemiti, in particolare in alcune parti dell’Europa, e i musulmani affrontano una grave persecuzione, spesso da gruppi fondamentalisti che non condividono la stessa interpretazione dei principi della loro fede.

I sette punti

“In questo contesto, cosa è necessario per proteggere le minoranze religiose? Vorrei citare brevemente sette elementi essenziali.

“In primo luogo, c’è la necessità di azione. I recenti esempi di selvaggina contro le minoranze religiose devono scuotere la comunità internazionale da qualsiasi inerzia. Coloro che sono affidati a salvaguardare il rispetto dei diritti umani fondamentali devono adempiere la loro responsabilità per proteggere coloro che sono in pericolo di colpire i delitti atroci. Dobbiamo sensibilizzare le emergenze umanitarie e rispondere generosamente. Allo stesso modo, per quanto riguarda la situazione in Medio Oriente, le condizioni per le minoranze religiose e etniche di tornare nei loro luoghi d’origine e vivere in dignità e sicurezza e con i fondamenti sociali, economici e politici fondamentali necessari per garantire la coesione essere forniti e garantiti. Non è sufficiente ricostruire le case, che è un passo cruciale,Aiuto alla Chiesa in Need o ai Cavalieri di Colombo . Ciò che è anche necessario è ricostruire la società ponendo le basi per una convivenza pacifica.

“In secondo luogo, lo stato di diritto e l’uguaglianza davanti alla legge fondati sul principio della cittadinanza, indipendentemente dalla propria religione, razza o etnia, sono essenziali per stabilire e mantenere una coesistenza armoniosa e fruttuosa tra individui, comunità e nazioni. La legge deve ugualmente e inequivocabilmente garantire i diritti umani di ogni cittadino, fra i quali il diritto alla libertà di religione e di coscienza, che implica il diritto di liberamente cambiare la propria religione senza subire discriminazioni o essere identificati per la morte. Anche nei luoghi in cui una religione è accordata a uno status costituzionale speciale, deve essere riconosciuto e difeso il diritto di tutti i cittadini e delle comunità religiose alla libertà di religione, all’uguaglianza davanti alla legge e ai mezzi appropriati per ricorrere quando i loro diritti vengono violati.

“In terzo luogo, dovrebbe esistere reciproca autonomia e collaborazione positiva tra le comunità religiose e lo Stato. Essi, nei loro campi, sono autonomi e indipendenti l’uno dall’altro. Tuttavia entrambi, sotto titoli diversi, sono dedicati al benessere della stessa persona, fedele e cittadina. Quanto più si rafforzano la cooperazione tra loro rispettando l’autonomia reciproca, tanto più efficace sarà il loro servizio per il bene di tutti. Quando le comunità religiose e lo Stato si confondono o confondono, come ha affermato Papa Francesco nel aprile dell’Università Al-Azhar a Il Cairo, “la religione rischia di essere assorbita nell’amministrazione degli affari temporali e tentata dall’illusione delle potenze mondane che lo sfruttano”.

“Quarto, i leader religiosi hanno una grave e specifica responsabilità di affrontare e condannare l’abuso della fede religiosa e del sentimento per giustificare il terrorismo e la violenza contro i credenti di altre religioni. Devono costantemente affermare che nessuno può giustamente uccidere i innocenti nel nome di Dio. Come ha detto Papa Francesco in Egitto, e prima di quello in Albania e in molti altri ambiti, deve esserci una “chiara e chiara” No! ” a tutte le forme di violenza, vendetta e odio svolte in nome della religione o nel nome di Dio. “Anche le questioni sociali, politiche ed economiche che i demagoghi possono sfruttare per incitare la violenza devono essere affrontati.

“In quinto luogo, esiste un’urgente necessità di un efficace dialogo interreligioso come antidoto al fondamentalismo, al fine di superare l’ipotesi cinica che i conflitti tra i credenti religiosi sono inevitabili e sfidare l’interpretazione stretta di testi religiosi che demonizzino o deumanizzano quelli di diversa natura credenze. Un efficace dialogo interreligioso può, deve e spesso mostra il paradigma per le conversazioni politiche e interpersonali necessarie per l’armonia sociale.

“Sesto, educare una buona educazione in generale e una solida educazione religiosa in particolare sono fondamentali per impedire la radicalizzazione che porta all’estremismo, alla persecuzione delle minoranze religiose e al terrorismo. La società raccoglie ciò che emana. È fondamentale che l’insegnamento nelle scuole, nei pulpiti e in Internet non favorisca l’intransigenza e la radicalizzazione estremista, ma il dialogo, il rispetto per gli altri e la riconciliazione. Alle Università Al-Azhar di Il Cairo, Papa Francesco ha sottolineato che un’educazione in “apertura rispettosa e sincero dialogo con gli altri, riconoscendo i loro diritti e le loro libertà fondamentali, in particolare la libertà religiosa, rappresenta il modo migliore per costruire il futuritogether, per essere builders della civiltà. … l’unica alternativa alla vivacità dell’incontinenza dell’inciviltà del conflitto. … Per contrastare efficacemente la barbarie di coloro che fomentano l’odio e la violenza, dobbiamo accompagnare i giovani, aiutandoli sulla via della maturità e insegnandoli a rispondere alla logica incendiaria del male, lavorando con pazienza per la crescita della bontà. In questo modo i giovani, come gli alberi ben piantati, possono essere radicati nel terreno della storia e, crescendo in cielo nell’azienda di un altro, possono trasformare quotidianamente l’aria inquinata dell’odio nell’ossigeno della fraternità “.

“In settimo e ultimo luogo, dobbiamo bloccare il flusso di denaro e armi destinati a coloro che intendono usarli per contrastare le minoranze religiose. Come ha sottolineato Papa Francesco alla fine dell’indirizzo di Al-Azhar: “È necessario mettere fine alla proliferazione delle armi; se vengono prodotti e venduti, prima o poi verranno utilizzati “. Fermare le atrocità non solo comporta l’affrontare l’odio e i tumori del cuore che suscitano la violenza, ma anche la rimozione degli strumenti con cui l’odio effettivamente effettua tale violenza.

“La protezione delle minoranze religiose in conflitto è infatti una delle responsabilitàpiù urgenti della comunità internazionale oggi. Ringrazio la Missione Permanente dell’Ungheria, l’Istituto per la Diplomazia Culturale e tutti voi per venire oggi per assicurarvi che ottiene l’attenzione che merita. Grazie per l’attenzione”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.