MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2018, 10:43, IN TERRIS

KENYA

"O vi convertite all'Islam o vi uccidiamo"

Una famiglia vive nel terrore dopo essersi convertita al cristianesimo

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cristiani in Kenya
Cristiani in Kenya
I

l rapimento della cooperante Silvia Romano ha fatto traballare l'immagine del Kenya come una delle aree più sicure dell'Africa. In realtà, il Paese presenta delle gravi contraddizioni al suo interno. Una delle situazioni più difficili la vivono i cristiani: Negli ultimi anni sono aumentati gli attacchi e le violenze contro di loro.


La conversione

Dal villaggio di Tarasaa a Garsen, lo stesso dove è stata arrestata la moglie di uno dei presunti rapitori di Silvia Romano, arriva la notizia dell'ennesima vicenda di persecuzione subita da una famiglia colpevole soltanto di amare Cristo. La racconta il portale "The Morning Star News". Ad inizio novembre la famiglia di Abdul Abuk-Bakr si è convertita al cristianesimo dopo la guarigione insperata di uno dei suoi membri successiva alla visita in ospedale di un pastore evangelico. I nuovi fedeli sono stati accolti con gioia da quest'ultimo nella chiesa locale.


La minaccia

Ma l'annuncio pubblico non ha fatto piacere a tutti i membri del villaggio: "Dopo che si è venuto a sapere che ci eravamo convertiti alla fede in Cristo - ha rivelato Abdul Abuk-Bakr al "The Morning Star News" - ho ricevuto messaggi minacciosi". "I mussulmani locali - ha continuato l'uomo - stavano progettando di uccidere tutti noi e portare via sia la casa in affitto che i due acri di terra su cui avevamo piantato colture alimentari, mais e fagioli". I leader mussulmani locali hanno dato un ultimatum alla famiglia cristiana: Un giorno di tempo per rinnegare Cristo e tornare islamici. Secondo quanto riporta Abu-Bakr, durante le preghiere in moschea del venerdì è stata annunciata la punizione per aver abbandonato l'Islam. "La famiglia di Abu-Bakr - avrebbero detto i capi religiosi secondo quanto ha raccontato la vittima - ora è infedele e è diventata apostata e merita di morire".


Vite in pericolo

Dopo l'annuncio della punizione, l'uomo è stato costretto ad abbandonare la propria casa con la moglie e a nascondere i figli in un rifugio sicuro. "La vita per noi ora è molto difficile - ha detto Abu Bakr - i musulmani stanno monitorando i nostri movimenti". "Abbiamo deciso di portare i nostri due bambini, di 4 e 5 anni, a casa di un buon samaritano. Sebbene manchino del nostro amore alla loro tenera età, la loro sicurezza è più importante". La coppia di coniugi ha trovato il conforto della chiesa locale ma continua a vivere nel terrore: "Siamo al bivio, non sappiamo cosa fare; niente casa, niente cibo, ambiente pericoloso per la vita e bambini lontani da noi", ha confessato disperato l'uomo. "A volte ci manca la pace. Mia moglie ha passato notti insonni a pensare ai bambini. Abbiamo davvero bisogno di preghiere per rimanere nella fede cristiana e nella pace che viene da Dio".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
Il Papa in visita alla sinagoga di Roma
MONITO PAPALE

“Condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”

Il Papa al Centro Simon Wiesenthal: "La memoria dell’Olocausto per non annientare il futuro"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
RESTAURO

Gli ambulatori delle bambole antiche

Attraverso l'artigianato tornano in vita i ricordi: botteghe specializzate in tutta Italia
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Un momento degli scontri a sud di Tripoli - Foto © Abdullah Doma per AFP
SCONTRI

Libia, fragile cessate il fuoco. L'Ue invita alla calma

Il vertice di Berlino non spegne le ostilità a sud di Tripoli
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern