MERCOLEDÌ 11 MAGGIO 2016, 003:29, IN TERRIS

NUOVO APPELLO DEL PONTEFICE PER LA PACE IN SIRIA E IRAQ

Papa Francesco rivolge un messaggio al patriarca copto di Alessandria d'Egitto in occasione della giornata dell'amicizia coptocattolica

MATTIA SHERIDAN
NUOVO APPELLO DEL PONTEFICE PER LA PACE IN SIRIA E IRAQ
NUOVO APPELLO DEL PONTEFICE PER LA PACE IN SIRIA E IRAQ
Papa Francesco rivolge un nuovo appello alla comunità internazionale per le sofferenze del Medio Oriente e per i cristiani e le minoranze religiose vittime di violenze, "particolarmente in Siria e in Iraq". In una lettera al patriarca copto di Alessandria in Egitto, scritta in occasione della giornata dell'amicizia coptocattolica, che si celebra nel terzo anniversario del fraterno incontro svoltosi in Vaticano nel 2013 a quarant'anni da quello tra Paolo VI e Shenouda III, Bergoglio ricorda le "grandi difficoltà" e le "situazioni tragiche" che stanno vivendo i credenti in molti Paesi.

"Possa - auspica il Papa - Dio nostro Padre dare pace e consolazione a tutti coloro che soffrono" nel Medio oriente e "in particolare in Iraq e Siria, e ispirare la comunità internazionale a rispondere con saggezza e giustizia a tale violenza senza precedenti". Nella lettera, il Pontefice, oltre a fare il punto sul cammino ecumenico compiuto da copti e cattolici, sempre nella speranza di giungere un giorno a "rendere visibile (l'unità) nella mensa eucaristica comune", volge lo sguardo al Medio Oriente, per il quale Tawadros ha mostrato la sua stessa preoccupazione, "specialmente - scrive Francesco - in Iraq e Siria, dove i nostri fratelli e sorelle e altre comunità religiose fronteggiano minacce quotidiane". La lettera del Papa è richiamata con grande risalto dall'Osservatore Romano, che apre la prima pagina con il titolo "Vittime di una violenza inaudita", pubblicando in quelle interne il testo integrale della lettera del Papa.

Inoltre, il Vaticano ha reso noto che i fondi, pari a 150 milioni di dollari, raccolti dalla Santa Sede a Expo Milano 2015 sono stati destinati dal Papa alla assistenza ai profughi in Giordania, con un progetto che sarà inaugurato ad Amman il 12 maggio, da mons. Segundo Tejado Muñoz, sottosegretario di Cor unum, che sarà in missione nella capitale giordana da domani al 13 maggio.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il segretario del Pd, Matteo Renzi
FLAT TAX

Renzi: "E' un Robin Hood al contrario". E rilancia gli 80€

Il segretario Pd: "E' per i milionari come Berlusconi e Grillo, irrealizzabile economicamente"
Particolare dello
ARTE

Al via il restauro dello "Stendardo" di Tiziano

Trasferito dalla Galleria Nazionale delle Marche nei laboratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione
L'attacco allhotel Intercontinental di Kabul
KABUL

Talebani rivendicano l'attacco all'hotel Intercontinental

Uccisi tre assalitori. 6 i morti e 5 i feriti, 126 persone tratte in salvo
Donne al lavoro

Discriminate

Le donne, secondo le statistiche mondiali, guadagnano meno degli uomini nelle professioni e nei lavori in cui sono...
Un astronauta nello spazio
MISSIONI SPAZIALI

Febbre tra le stelle, ma è una reazione normale

La temperatura corporea si sviluppa gradualmente dopo circa 2,5 mesi dall'inizio della permanenza in orbita
Michele Gesualdi
FIRENZE

Gesualdi, Don Milani e il “biotestamento”

Morto di Sla uno dei primi 6 allievi della Scuola di Barbiana. Oggi celebrati i funerali