MARTEDÌ 04 OTTOBRE 2016, 14:01, IN TERRIS

MONSIGNOR GALANTINO: "IMPEDIRE CHE IL MEDITERRANEO CONTINUI AD ESSERE CIMITERO DI MIGRANTI"

Durante il suo discorso, il presidente della Cei ha sottolineato anche l'importanza dei corridoi umanitari, dell'integrazione

REDAZIONE
MONSIGNOR GALANTINO:
MONSIGNOR GALANTINO: "IMPEDIRE CHE IL MEDITERRANEO CONTINUI AD ESSERE CIMITERO DI MIGRANTI"
"Non saranno i muri o le politiche di chiusura a fermare l'onda costante degli arrivi. Noi dobbiamo impedire che il Mediterraneo continui ad essere cimitero dei migranti". Sono le parole del segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, intervenuto ad un convegno della Cisl sui migranti. Inoltre, per il prelato, è necessario che l'Europa giochi un ruolo maggiormente incisivo perché fino ad ora è stata "debole e cieca" nel consentire di continuare ad erigere muri.

Per il segretario della Conferenza episcopale italiana, le morti commemorate ieri a Lampedusa "sono uno schiaffo alla democrazia europea, incapace di salvaguardare e proteggere persone in fuga da situazioni drammatiche create anche dalla politica estera e da scelte economiche europee".

"Guardo in questo momento con buone aspettative al 'Migration Compact' di cui tanto si è parlato proprio in questi ultimi giorni e mi permetto di evidenziare, in quest'ottica - ha detto ancora Galantino -, le belle esperienze di cooperazione internazionale della Chiesa forte di 40 anni di progetti e microrealizzazioni di Caritas Italiana e della Focsiv, con 12000 operatori, volontari e missionari nei Paesi più poveri del mondo".

Durante il suo discorso, monsignor Galantino ha sottolineato anche l'importanza dei corridoi umanitari, dell'integrazione e ha chiesto che vengano create "situazioni positive nei luoghi di provenienza attraverso la cooperazione internazionale". Per il prelato è necessario è fondamentale guardare al fenomeno migratorio "liberandolo da deformanti e disinformate equazioni". "Stiamo parlando appena di un impatto dell'1% - sottolinea -, mentre l'Italia è agli ultimi posti in Europa per incidenza dei rifugiati sulla popolazione con un tasso di 1,9 ogni mille abitanti e un tasso del 3 per cento di richiedenti asilo. C'è da dire, allo stesso tempo, che il numero di rifugiati è in costante aumento ovunque. In Italia si registra una crescita di presenze pari al 26% con un +30% di richieste di asilo politico solo nel 2015. Oggi sono accolti in Italia circa 160 mila tra richiedenti asilo e rifugiati di cui 30 mila nelle strutture ecclesiali".

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno