DOMENICA 24 MARZO 2019, 00:01, IN TERRIS

Mons. Dal Cin: "Dopo Pio IX, un altro Papa celebra Messa nella Santa Casa"

Al termine dell’Eucarestia, Francesco firmerà la lettera sinodale sui giovani, indirizzata a tutto il mondo

DARIA ARDUINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Santa Casa di Loreto
Santa Casa di Loreto
“C

on la visita di Papa Francesco, tutta la Chiesa entrerà nella Santa Casa per dire Sì a Dio che è venuto ad abitare in mezzo a noi, e per attingere la grazia di ripartire con rinnovato entusiasmo nella testimonianza cristiana. In un tempo segnato dall’incertezza, dalla precarietà, dall’insicurezza, Bergoglio che si fa pellegrino nel nostro santuario, indica a tutti, giovani, famiglie, ammalati, che è possibile accogliere il senso vero della propria vita aprendoci al dono di Dio, come ha fatto la Vergine Maria”. A dirlo è l’Arcivescovo di Loreto, mons. Fabio Dal Cin, intervistato da In Terris, per raccontare l’attesa ed il significato della visita del Santo Padre, di lunedì 25 marzo, festa liturgica dell’Annunciazione. Mons. Dal Cin, 54 anni, è Arcivescovo prelato di Loreto da poco più di un anno, ma, da veneto, dice di essersi trovato subito in sintonia con il popolo lauretano, con cui sente di avere in comune “il senso del lavoro, la creatività, la voglia di costruire, di fare”.

Eccellenza, qual è il valore per Loreto e per le Marche della visita di Papa Francesco?
“Per Loreto rappresenta innanzitutto l’accoglienza del successore di Pietro, di colui che ci conferma nella fede. Insieme con Loreto questo valore si estende a tutte le Marche, a tutte le chiese, le diocesi della nostra regione, che potranno incontrare Pietro, colui che nella Chiesa è il fondamento di tutta la nostra esperienza religiosa. Il Papa porterà poi con sé un messaggio religioso che ha anche un valore di grande umanità perché ci richiama ai valori che vanno al di là della professione di fede e che quindi interessano tutti gli uomini di buona volontà che cercano la pace, che vogliono essere strumenti di speranza e di promozione umana, in questo momento non facile per tante famiglie e per tante situazioni che ben conosciamo”.

Come si sta preparando la città alla visita del Santo Padre? Come procede l'organizzazione?
“C’è un’organizzazione tecnica che è stata messa a dura prova, perché preparare la visita del Santo Padre in un mese, non è stato facile. Di solito ci sono almeno tre, quattro, cinque mesi di tempo. Il grande entusiasmo della cittadinanza, delle associazioni di volontariato e la perfetta sinergia con tutte le istituzioni, ha però permesso di lavorare alacremente affinché tutti i fedeli possano avere un incontro sereno e ascoltare le parole del Papa, che per chi crede, è il vicario di Cristo. In questo senso c’è stata una forte preparazione spirituale”.

Quindi le diocesi hanno fatto un percorso…
“La mia priorità, ancor prima dell’organizzazione pratica, logistica, è stata infatti quella di fare un cammino con tutte le chiese, le parrocchie di Loreto, dove ho trovato una sintonia profonda con tutte le persone che vi hanno partecipato, a prescindere dalla loro età. Il mio desiderio era preparare i cuori alla venuta del Papa, promuovendo concreti atteggiamenti di comunione e di fraternità. Durante le mie riflessioni, ho portato l’esempio di San Paolo che sentì il bisogno di salire a Gerusalemme per confrontarsi con Pietro, per dare l’orientamento giusto alla propria vita. Ecco per noi il 25 sarà proprio salire il colle di Loreto e vedere Pietro, così che nel vederlo e ascoltando la sua parola, possiamo sentirci confermati nella fede in Cristo, unico salvatore, e nella devozione autentica mariana che ci viene da questo Santuario”

Avete promosso anche qualche momento particolare?
“Venerdì scorso abbiamo celebrato nel Santuario la Messa, seguita dall’adorazione eucaristica partecipata a turno dalle parrocchie e dai gruppi ecclesiali. La giornata si è poi conclusa con il canto dei Vespri, e la processione a Porta Marina, dove abbiamo benedetto la città. Una benedizione rivolta anche all’Oriente, perché è da lì che viene la Santa Casa, e al mare, inteso come ponte di speranza, di unione tra i popoli, di desiderio di comunione e di solidarietà, soprattutto verso coloro che soffrono per motivazioni religiose e per il loro autentico desiderio di giustizia”.

Dopo moltissimi anni un Pontefice celebrerà di nuovo la Messa nella Santa Casa...
“Già, sarà il primo dopo Pio IX. Tutti gli altri papi hanno sostato solo in preghiera. Credo che questo abbia un carattere simbolico forte che rientra anche nell’orientamento pastorale di Papa Francesco. Lui ha scritto una lettera alle famiglie, l’‘Amoris laetitia’, e questo gesto di celebrare in una casa, che è stata anche la casa della santa famiglia di Gesù, ci dice il legame, la profonda connessione tra la piccola chiesa domestica e la grande famiglia dei figli di Dio, che è la Chiesa universale, di cui il Papa è principio e fondamento visibile di unità, la pietra di sostegno e il punto di convergenza di tutta la Chiesa”.

Al termine della Messa, il Papa firmerà all'interno della Casa di Gesù la lettera sinodale sui giovani, indirizzata a tutto il mondo...
Il Santo Padre vuole compiere un atto unico nel suo genere, immenso, non solo dal punto di vista storico, ma anche spirituale ed educativo. Tra quelle pareti sono cresciuti la giovane Maria di Nazareth e Gesù: questo gesto dice quanto al Papa e alla Chiesa stiano a cuore le giovani generazioni, tanto che ancora una volta li affiderà solennemente alla Madre di Dio”.

La giornata come proseguirà?
“Terminata la Celebrazione eucaristica, il Santo Padre saluterà la Comunità dei frati cappuccini in sagrestia e gli ammalati presenti, poi uscirà sul sagrato del Santuario, per incontrare i fedeli. Dopo il pranzo con i vescovi riprenderà l’elicottero per rientrare in Vaticano. L’auspicio è dunque che questa visita porti fiducia e speranza nel cuore di tante persone”.

                          

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari

Due modi di vedere

Non si placa la polemica tra il ministro Salvini ed il Ministro Toninelli. I due governanti hanno visioni totalmente...
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti
Giovani universitari - foto di repertorio
ROMA

A scuola di politica nella diocesi del Papa

Da giovedì a sabato la “Summer School” del Vicariato di Roma. La “lectio magistralis” sarà...
Una tartaruga caretta caretta
BIODIVERSITÀ A RISCHIO

Una specie su quattro a rischio estinzione

Si allunga la lista rossa delle biodiversità minacciate. I pericoli per la flora e la fauna in Italia
L'Ayatollah Ali Khamenei
ESCALATION

Iran, arrestate 17 persone "legate alla Cia"

L'ultimo episodio che fa salire ancora di più la tensione fra Teheran e Washington
TUTELA MINORI

Ostia: foto a bimbi in costume, arrestati

Nei confronti dei due indagati sono stati disposti ulteriori accertamenti