MERCOLEDÌ 29 APRILE 2015, 004:00, IN TERRIS

MAROCCO: LEADER RELIGIOSI INSIEME PER PROMUOVERE LA PACE

Si è concluso il forum globale promosso da Onu, Kaiciid e dalla Lega dei sapienti Musulmani del regno

MAURIZIO PICCIRILLI
MAROCCO: LEADER RELIGIOSI INSIEME PER PROMUOVERE LA PACE
MAROCCO: LEADER RELIGIOSI INSIEME PER PROMUOVERE LA PACE
Oltre 30 guide religiose da diversi paesi e confessioni si sono riunite per due giorni in Marocco nella città di Fez in occasione del primo forum globale promosso dalle Nazioni Unite (Ufficio per la prevenzione dei genocidi e la responsabilità alla protezione), dalla piattaforma interreligiosa KAICIID, voluta dal defunto re saudita Abdullah con base a Vienna, e dalla Mohammedia, e dalla Lega dei sapienti musulmani del Regno del Marocco.

L’incontro si inserisce in un percorso iniziato nel 2011 su iniziativa dell’Alto Commissariato per i diritti umani dell’Onu dopo i meeting di Rabat e Ginevra e il successivo coinvolgimento del Kaicid, con l’auspicio che il “dialogo interreligioso diventi un mezzo essenziale per l’intervento delle guide religiose nella prevenzione di possibili escalation causate da un abuso della religione e tensioni tra comunità”. Il meeting è stato il primo di una serie di forum che saranno realizzati prossimamente in diversi paesi, il cui programma è stato discusso a Fez, città storica per la tradizione sapienziale islamica, sede di una delle prime università al mondo e patria di nascita di influenti santi e sapienti.

Così mentre i miliziani del Califfato nero agitano la Guerra santa conto l’Occidente cristiano e dai Paesi Europei qualcuno invoca le Crociate contro l’Islam, in Marocco si confrontano e si dialoga tra tutte le religioni e si dialogo alla ricerca di paradigmi per una spiritualità condivisa. Al forum di Fez partecipano, oltre ad Adama Dieng (ONU, Consigliere Speciale per la Prevenzione al Genocidio) e Faisal bin Mu'ammade (Segretario Generale del KAICIID), una nutrita schiera di studiosi e religiosi. Per l’Induismo, Swami Agnivesh dall'India per l’Ebraismo, Rav David Rosen da Gerusalemme, per il Buddhismo, Sam Art Oeun dalla Cambogia, per il Cristianesimo ortodosso greco, Metropolita Emanuel Adamakis, per il Cristianesimo cattolico, Cardinale John Onaiyakan dalla Nigeria e Mons. Miguel Ayuso dal Vaticano, per il Cristianesimo protestante, Pastore James Wuye dalla Nigeria per l’Islam sunnita, Ahmad Al-Abbadi, segretario generale della Mohammedia, Lega dei sapienti musulmani del Regno del Marocco, per l’Islam sciita, Maythan Al Salman dal Bahrain. Come si vede sono rappresentate tutte le fedi e le diverse confessioni, senza distinzione e senza veti.

“Alcune autorità religiose presenti al Forum di Fez hanno collegato le atrocità criminali ai problemi legati alla mancanza di libertà e di pari dignità del pluralismo religioso, altri ai problemi legati all’emarginazione sociale, alla povertà e alla mancanza di ignoranza – ha affermato il vice presidente della COREIS Italiana, imam Yahya Pallavicini, intervenuto i diverse sessioni del forum – Pur condividendo alcune di queste analisi, non mi sembra che siano mai proporzionate alla reazione violenta che alcuni provocano con stermini di massa nei confronti di famiglie intere con la falsa giustificazione di “rendere giustizia” all’onore perduto di una confessione religiosa. Al contrario, sono proprio questi criminali a reclutare in Oriente come in Occidente le persone facendo credere che la loro rivoluzione è la soluzione a tutti i problemi della società. Una tale strategia di incitamento alla violenza nasce invece dall’arrogante delegittimazione dei maestri autentici e dalla scarsa consapevolezza del patrimonio tradizionale dell’umanità che proprio tutte le religioni hanno sempre testimoniato”.

“Affinché questo vilipendio della religione e di tutti i principi di sacralità della vita possa essere prevenuto – continua l’imam Pallavicini – è fondamentale difendere l’identità e l’autorità delle guide religiose autentiche contro falsi maestri privi di autorevolezza teologica e autorizzazione spirituale e, inoltre, promuovere un coordinamento tra Istituzioni e tra i saggi delle varie confessioni religiose per tarare percorsi di prevenzione con l'informazione precisa su alcune degenerazioni e con l'educazione alla Pace”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce