DOMENICA 16 DICEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS

“Maria? Molto più di una devozione”

Parla padre Stefano Cecchin, nuovo presidente della Pontificia Accademia Mariana Internationalis (Pami)

WłODZIMIERZ RęDZIOCH
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Madonna della Misericordia
Madonna della Misericordia
L

a Pontificia Accademia Mariana Internationalis (Pami) è nata il 27 luglio 1946, quando l'Ordine dei frati minori nominava una “Commissio Marialis Franciscana”, con sede presso l'allora pontificio ateneo Antonianum a Roma. Questa Commissio aveva il compito di organizzare e dirigere tutte le attività “mariologiche e mariane” in preparazione del primo centenario della proclamazione del dogma dell'Immacolata Concezione e di favorire gli studi per la successiva definizione del dogma dell'Assunzione in cielo di Maria. Dopo le due guerre mondiale prese il nome di “Academia Mariana Internationalis”. Papa Giovanni XXIII, con la lettera apostolica Maiora in Dies, diede all’Accademia il titolo “Pontificia” e indicò come suo scopo di promuovere e animare gli studi di mariologia attraverso i Congressi Mariologici Mariani Internazionali e qualsiasi altro tipo di incontri accademici. La Pami ha principalmente il compito di coordinare le altre Accademie e Società Mariane che esistono in tutto il mondo. Il 31 maggio 2017 Papa Francesco ha nominato presidente della Pontificia Accademia mariana internazionale padre Stefano Cecchin, Ofm. È un frate francescano con il dottorato in teologia e la specializzazione in mariologia ottenuto presso la Facoltà teologica “Marianum”, il luogo che forma i “mariologi” nella Chiesa. È professore di mariologia e membro della Associazione Mariologica Interdisciplinare Italiana e membro onorario dell’Associazione Mariologica Polacca. Si tratta del primo presidente della Pami ad essere un vero specialista di mariologia. La sua nomina, infatti, ha voluto rispondere alle richieste del mondo mariologico di una maggiore qualificazione di questa area di ricerca. Padre Cecchin riassume in sé le due caratteristiche specifiche di questo mondo: l’aspetto mariologico della ricerca e quello mariano della pietà e della divulgazione. In Terris lo ha intervistato.

Padre Cecchin, perché è così importante per ogni credente conosce Maria, la Madre di Dio?
“È importante perché all’origine di ogni vocazione nella Chiesa c’è Maria, la Madre di Gesù: questo era quanto amava ribadire il santo papa Giovanni Paolo II. E, per questo motivo, si può leggere in chiave mariana la vocazione di San Francesco d’Assisi, di tutti gli altri santi, ma anche quella di ognuno di noi. Nella Chiesa “nulla è fecondo” se manca Maria.

Qual è il ruolo della Pami nella promozione tra i credenti dell’autentico culto mariano?
“È necessaria una sana e informata conoscenza del ruolo della Madre di Dio nella storia della Salvezza. Molti, infatti, oggi la riducono a devozione, dimenticando che Maria è molto più di una devozione: è per mezzo di lei che si è realizzata la salvezza e la redenzione dell’umanità, anzi, è con lei che inizia la redenzione del mondo: con la sua Immacolata Concezione (che è un dogma e non una devozione). Il compito di ribadire questa coscienza ai credenti è stato affidato appunto alla nostra Academia. Nello stesso tempo noi vogliamo illuminare la pietà popolare per aiutare la gente a trovare Cristo attraverso Maria. Secondo me, il ruolo principale per ogni sacerdote è di guidare le persone a maturare nella fede e Maria è la migliore compagna nel cammino di conversione”. Si deve mettere in luce che il grande male della mariologia è che si pensa sia una realtà ‘facile’: ‘Tutti possono parlare della Madonna’. Così, il cadere sugli eccessi del banale o dell’esagerato devozionismo è uno degli equivoci principali dei tanti mestieranti della mariologia. Tante pubblicazioni su di lei, poche di valore. L’equivoco comune è quello di ridurre la figura di Maria ad una ‘devozione’, sminuendo o ignorando il suo vero ruolo nella storia della Salvezza”.

La vostra Accademia promuove e coordina gli studi di mariologia. Ma di cosa dovrebbe occuparsi oggi la mariologia?
“La Pami segue tre vie della mariologia: la via della Verità, quella della Bellezza e quella della Carità. La via della Verità implica studio, ricerca, conoscenza. La via della Bellezza implica la preghiera, l’armonia con il creato, il bello artistico e tutte le manifestazioni culturali e cultuali. La via della Carità implica la bontà, la tenerezza di Maria, l’accoglienza, la consolazione e il prendersi cura degli altri. Queste tre vie si possono vedere applicate nel collegio internazionale sant’Antonio di Roma, dove ha la sede operativa la Pami. In questa casa vi è la via della verità percorsa dalla Pontificia Università “Antonianum”, al centro vi è la basilica dove si vive l’esperienza della bellezza nell’incontro con Dio e, in continuità, come via pratica, vi sono le opere antoniane con la ‘mensa dei poveri’ che ospita un grande numero di bisognosi a pranzo. Noi vogliamo che l’aspetto mariologico della ricerca si congiunga armoniosamente con quello mariano della pietà e della divulgazione. Bisogna evitare la frattura tra la parte dogmatica della mariologia e il popolo devoto. Il compito dello studioso dell’Accademia è quello d’illuminare la pietà popolare per aiutare a trovare Cristo attraverso Maria”.

Come è cambiata la “percezione” di Maria tra i fedeli?
“La visione attuale di Maria non è più come quella del passato, quasi di una dea lontana da noi. Oggi la vera devozione è intesa come un ‘rapporto’ che mi fa scoprire e conoscere la Madre di Gesù e mi invoglia ad imitarla, perché lei fu la prima discepola e quindi il modello da seguire per essere discepoli di Cristo. Nel corso dello svolgersi della vita, Maria è la compagna nel cammino di conversione”.

Tante persone, anche nella Chiesa, guardano con sospetto il fenomeno delle apparizioni mariane, sottolineando che non sono necessarie alla fede. La Pami ha voluto organizzare un corso e un Osservatorio internazionale sulle apparizioni. Come mai?
“Il fatto è che a partire dagli inizi del Novecento in poi sono piuttosto numerose le apparizioni sia pubbliche, sia private. E proprio per far maturare la conoscenza, le competenze e gli strumenti per discernere che abbiamo dato vita al corso e all’Osservatorio internazionale sul tema. Il nostro obiettivo è sia coordinare gli esperti mariologi del mondo, sia realizzare un Osservatorio internazionale sulle apparizioni e i fenomeni mistici al quale partecipino esperti delle varie scienze e delle varie religioni per raccogliere e analizzare materiale, testimonianze, prove scientifiche, al fine di arrivare a verità condivise. Volevo ricordare che già il Concilio Vaticano II ribadì che il Signore sceglie vie particolari per parlare direttamente al popolo. In una lettera della nostra Accademia pubblicata nell’anno 2000, si legge: ‘Una pietà mariana che accolga con cordiale riconoscenza e con serena libertà le manifestazioni straordinarie della beata Vergine – apparizioni, visioni… – riconosciute dall’autorità ecclesiastica e veda in esse un segno della sua materna misericordia; che consideri nella loro giusta luce ‘messaggi’ e ‘promesse’ che Ella rivolge, spesso attraverso umili creature, ai suoi figli: sono infatti un incitamento perché essi vivano secondo i dettami del Vangelo, un prolungamento della parola che la Madre di Gesù disse ai servi delle nozze di Cana: ‘Fate quello che vi dirà’ (Gv 2,5); non intendono quindi né completare il Vangelo né sostituirlo con ‘vie più facili’, al contrario mirano a ravvivare nei discepoli la necessità della conversione e della sequela di Cristo sulla via regale della croce’. Queste parole spiegano bene il nostro interesse nelle apparizioni.

Il testo in polacco è apparso sul settimanale cattolico “Niedziela” (nr.48)

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca