DOMENICA 21 GIUGNO 2015, 001:00, IN TERRIS

LUNEDÌ IL PONTEFICE INCONTRA I PARENTI, IL CUGINO: “LO CHIAMEREMO GIORGIO”

Dopo i saluti, il Papa – in visita a Torino per la Sindone fino a stasera – celebrerà una Messa e pranzerà insieme a tutta la famiglia

MILENA CASTIGLI
LUNEDÌ IL PONTEFICE INCONTRA I PARENTI, IL CUGINO: “LO CHIAMEREMO GIORGIO”
LUNEDÌ IL PONTEFICE INCONTRA I PARENTI, IL CUGINO: “LO CHIAMEREMO GIORGIO”
“Ciao Giorgio, che emozione rivederti!”. Il Giorgio a cui è rivolto l'affettuoso saluto non è una persona qualsiasi, ma quel prete venuto “quasi dalla fine del mondo” divenuto Papa col nome di Francesco. Il Santo Padre, infatti, lunedì mattina incontrerà alcuni suoi famigliari in forma strettamente privata; per loro celebrerà anche una messa in arcivescovado. “Saremo in 28 cugini con le rispettive famiglie a riabbracciare Giorgio - racconta Maurizio Bracchino, cugino di papa Bergoglio -. Già, perché noi lo chiameremo 'Giorgio', non Francesco. In nome della spontaneità che ha sempre caratterizzato i nostri rapporti”.

Il Papa e il cugino Maurizio si sentono spesso e, nonostante i numerosi impegni, Bergoglio lo ha già incontrato a febbraio dello scorso anno, in Vaticano. “Ma ci telefona spesso - racconta il dottor Bracchino -. 'Ciao Maurizio, sono Giorgio' ci dice con grande spontaneità. Con mia mamma parla spessissimo”. Dopo la celebrazione, la grande famiglia riunita consumerà il pasto insieme. Un pranzo che rimarrà nel chiuso dell'Episcopio perché, come racconta scherzosamente il cugino del Papa, “non c'è stato modo di farlo uscire”. Attorno alla grande tavola, i Bergoglio passeranno in rassegna i ricordi di una vita. “Sarà un momento bellissimo - assicura Bracchino -, un modo per ricordare i quarant'anni che praticamente abbiamo vissuto insieme”.

Già perché, quando Jorge Mario Bergoglio era arcivescovo a Buenos Aires, andava spesso a trovare i cugini rimasti in Italia. “E si fermava da noi. Si cucinava tutti insieme - ricorda Maurizio -. Parlare con lui è sempre stato edificante. Ricordo, quando andavo a scuola, le discussioni filosofiche che facevamo insieme. Con lui si affronta qualsiasi argomento. È una persona molto colta e al tempo stesso spontanea. Non vediamo l'ora – conclude - di riabbracciare il nostro Giorgio”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles
L'esito del voto sul Biotestamento (Lapresse)

Congiura contro la vita

Il cupo sodalizio tra Pd e Movimento 5 stelle sul fine vita ha determinato al Senato della Repubblica...
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Nessun favoritismo, non mi dimetto"

Il sottosegretario ospite a 'Otto e mezzo'. Scontro con Travaglio: "Fossi stata uomo non mi avrebbe tratta...
Andrea La Rosa
ANDREA LA ROSA

Ex calciatore ucciso: fermati madre e figlio

Il corpo era nel bagagliaio dell’auto guidata da Antonietta Biancaniello