MERCOLEDÌ 01 APRILE 2015, 005:30, IN TERRIS

LIBANO, MUSULMANI E CRISTIANI UNITI CONTRO IL FONDAMENTALISMO

I leader religiosi hanno deciso che par fronte alla crisi della regione, si riuniranno trimestralmete

AUTORE OSPITE
LIBANO, MUSULMANI E CRISTIANI UNITI CONTRO IL FONDAMENTALISMO
LIBANO, MUSULMANI E CRISTIANI UNITI CONTRO IL FONDAMENTALISMO
Si è concluso ieri a Bkerké, in Libano, l'incontro interreligioso che ha riunito i leader cristiani e musulmani del Paese per discutere della drammatica minaccia del fondamentalismo islamico nella regione e di altri importanti temi. Il primo risultato ottenuto dal summit è stata l'istituzionalizzazione di una conferenza permanente islamo-cristiana, le cui riunioni ordinarie avranno cadenza trimestrale.

Il vertice è stato convocato per far fronte a quei pericoli che corre il Paese, come la presenza minacciosa di gruppi islamisti come al Nusra e lo Stato islamico alla frontiera orientale, e l'assenza prolungata del presidente della Repubblica. Nel comunicato finale infatti è stato dedicato ampio spazio alla questione riguardante il vuoto della sede presidenziale che rappresenta motivo di "inquietudine e profondo sconcerto e un pericolo per la sovranità del Libano, per la sua sicurezza e la sua stabilità". In secondo luogo i leader hanno trovato terreno comune nell'affermare l'urgenza di porre rimedio alla situazione sociale e ai problemi economici, le crisi infatti si accumulano e gravano sulla popolazione.

E' stata poi affrontata la delicata questione dei rifugiati siriani e iracheni che trovano ospitalità in Libano. Sono circa un milione e mezzo, sovraffollando la regione diventata ormai incapace di gestire le risorse per l'accoglienza degli sfollati. Circa il terrorismo i leader hanno riconosciuto come queste realtà "con la maschera della religione" hanno contribuito a diffondere una cultura della violenza e del rifiuto dell'altro, una vera minaccia sul piano pedagogico, economico e politico. Infine da entrambe le parti, i leader hanno concordato nell'affermare che i cristiani sono le prime vittime di questa ondata di brutalità che stanno insanguinando il Medio Oriento, riconoscendo che il contributo dei fedeli è stato vitale per la conservazione della lingua araba.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano