VENERDÌ 08 SETTEMBRE 2017, 000:06, IN TERRIS

Lavoro. L'appello dei vescovi italiani. "Ridurre le tasse"

Riduzione del carico fiscale e dei tempi della giustizia civile: ecco la ricetta della Cei per rilanciare l'occupazione nel documento per la Settimana Sociale di ottobre

REDAZIONE
Lavoro. L'appello dei vescovi italiani.
Lavoro. L'appello dei vescovi italiani. "Ridurre le tasse"
Chi crea posti di lavoro deve essere "aiutato e non soffocato". Così la Conferenza episcopale italiana, in un documento sul tema dell'occupazione messo a punto in vista della 48esima Settimana Sociale che si terrà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre.

Minor carico fiscale e riduzione dei tempi della giustizia civile


L'appello dei vescovi italiani è a rimuovere gli "ostacoli” alla crescita occupazionale, ossia “il carico fiscale e i tempi della giustizia civile”. Il documento firmato da mons. Filippo Santoro, presidente della Commissione episcopale per i problemi del lavoro ma anche rappresentante del Comitato Scientifico delle Settimane Sociali, sottolinea che "un Paese che dà centralità al lavoro non può tassarlo nel modo in cui accade in Italia".

Di qui la necessità di realizzare la "riduzione del cuneo fiscale" attraverso "risorse che vanno prese da un serio impegno nella riduzione della spesa pubblica improduttiva e la lotta all'evasione".

Mancanza di lavoro è "atto di violenza"


I presuli italiani non esitano ad accostare la mancanza di lavoro a "un atto di violenza". Il testo afferma: "Negare ad un giovane di partecipare a questo grande progetto comune o privare un adulto della possibilità di continuare a dare il proprio contributo; sfruttare il lavoro altrui o discriminare in base all'identità di genere o razziale sono atti di violenza che lacerano il tessuto umano e sociale".

Costruire posti di lavoro - aggiungono i vescovi - è anche "lo strumento più efficace per il successo del percorso di integrazione" degli immigrati.

Settimana Sociale di Cagliari


L'ultima Settimana Sociale si è tenuta a Torino nel 2013 sul tema della famiglia; quella che ci sarà a Cagliari a fine ottobre affronterà la questione del lavoro, che deve essere, secondo la traccia del documento di discussione, "libero, creativo, partecipativo, solidale".

Lavoro degno


Il lavoro, ci tiene a precisare la Chiesa italiana, deve garantire la dignità delle persone. "Non basta creare lavoro - si legge nel testo -. Bisogna che tale lavoro sia degno, come realizzazione della persona, sostegno della famiglia e della vita della società. Così si salva la fatica, l'aridità, il sudore del lavoro concreto".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
MORTE RIINA

La Cei: "Nessun funerale pubblico per il boss"

Lo ha confermato il portavoce, don Maffeis: "Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi"
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont, sull'estradizione si decide il 4 dicembre

Il giudice rinvia al mese prossimo la decisione sul mandato d'arresto europeo. L'ex presidente resta in Belgio
DIFESA DELLA VITA NASCENTE

Aborto: una campagna per informare le donne

La rilancia l'Associazione ProVita proprio mentre a Roma spuntano manifesti sul tema
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"