L’Australia taglia i servizi per le donne musulmane vittime di violenza domestica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:21

In Australia l’associazione donne mussulmane  (Mwa)  nei giorni scorsi ha lanciato un allarme nei confronti dei servizi offerti per la tutela delle donne vittime  di violenza domestica che,  rischiano di essere tagliati. I finanziamenti potrebbero essere soppressi alla fine di ottobre in base alle norme modificate del governo di Canberra nel  New South Wales, dedicate ai finanziamenti per i servizi contro la violenza e  i maltrattamenti domestici.  Si tratta dell’unico servizio musulmano ha ricordato l’associazione che per 25 anni  si è occupato di molte famiglie in difficoltà.

La Mwa ha deciso di affrontare efficacemente la situazione coinvolgendo tutta la comunità  che, deve essere consapevole che nessuna violenza in qualsiasi forma può essere tollerata. Tale tema è centrale anche rispetto al credo dell’Islam ed è necessario un approccio coordinato. Tra l’altro secondo l’associazione per le donne che fuggono dalla violenza domestica è importante avere  la possibilità di accedere alle strutture di preghiera.

L’organizzazione ha anche sottolineato,  la mancanza di risposta della polizia e la mancanza di interesse dei media nei confronti  delle donne vittime di violenza domestica che contribuiscono a “normalizzare” tali episodi di maltrattamento.  La Mwa , ha evidenziato inoltre  la necessità di un di mappatura su tutto il territorio del New South Wales  al fine identificare quelle aree più bisognose di intervento.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.