LUNEDÌ 28 GENNAIO 2019, 11:34, IN TERRIS


CRISTIANI PERSEGUITATI

Lascia l'Islam: l'amico lo uccide e scappa con la moglie

Un uomo è stato ucciso dopo essersi convertito al Cristianesimo. Oggi la vedova vive con il sospetto omicida

NICO SPUNTONI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un cristiano ugandese
Un cristiano ugandese
L'

Uganda è uno dei Paesi africani dove si sta assistendo ad un risveglio del fondamentalismo religioso. Pochi anni fa i ricercatori di Porte Aperte l'hanno posizionata al 47esimo posto nella triste classifica sulle persecuzioni subite dai cristiani nel mondo


Una conversione non accettata

Proprio dall'Uganda arriva l'ennesima storia di un cristiano che perde la vita per la sua fede. Una vicenda dai contorni resi ancora più amari dal sospetto che sua moglie ed il suo migliore amico possano aver avuto un ruolo nei fatti che hanno portato poi alla sua morte. La Via Crucis di Abdul Hamza è iniziata quando ha deciso di abbandonare l'Islam per convertirsi al Cristianesimo. Una scelta che la moglie ha dimostrato subito di non accettare, ammonendolo sui pericoli che avrebbe corso la famiglia. 


L'emarginazione

Ma la convinzione di abbracciare la fede cristiana è stata più forte di ogni paura ed Abdul Hamza ha deciso di non tornare indietro, seguito nel suo percorso di conversione dal pastore Canon Kainja. L'abiura, però, è costata all'uomo l'emarginazione nel villaggio in cui viveva e la minaccia di divorzio da parte della consorte. Il padre ha rivelato che anche il resto della famiglia ha accettato con difficoltà la conversione di Abdul, soprattutto per le conseguenze che questo avrebbe comportato nella vita di tutti i giorni dei suoi congiunti.


La trappola

Apparentemente non tutti, però, gli hanno voltato le spalle. Alcuni amici musulmani hanno continuato a frequentarlo. Una sera, secondo quanto racconta il padre, Abdul Hamza è uscito a bere del thè in un locale della sua zona in compagnia di alcuni di loro. Dopo aver sorseggiato dalla sua tazza, l'uomo ha avvertito dei dolori lancinanti allo stomaco. Preso dagli spasmi, Abdul è stato soccorso dal padre che ha chiesto aiuto al reverendo Canon Kainja per portare suo figlio all'ospedale. Qui, però, il neocristiano non ce l'ha fatta ed è morto a seguito di quella che i medici hanno stabilito essere un'intossicazione alimentare dovuta ad avvelenamento. 


La moglie ed il migliore amico

Il principale sospettato dell'omicidio, a quanto dichiara il padre della vittima, risulta essere il migliore amico che non aveva accettato la sua conversione al Cristianesimo. Un sospetto alimentato da quanto poi è accaduto dopo i funerali: come racconta il padre di Hamza, la vedova ha lasciato la casa coniugale e i due figli per trasferirsi a vivere proprio con il migliore amico su cui gravano i maggiori indizi per l'avvelenamento. I due ragazzi, abbandonati dalla madre ed emarginati nel villaggio per l'abiuta paterna, sono oggi affidati alle cure del reverendo Canon Kainja.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua