GIOVEDÌ 16 APRILE 2015, 12:01, IN TERRIS

L'ARCIVESCOVO ARMENO CONSEGNA AL PAPA UN DOSSIER SUL GENOCIDIO

Il libro è una sorta di enciclopedia della strage con documenti raccolti in tutto il secolo

AUTORE OSPITE
L'ARCIVESCOVO ARMENO CONSEGNA AL PAPA UN DOSSIER SUL GENOCIDIO
L'ARCIVESCOVO ARMENO CONSEGNA AL PAPA UN DOSSIER SUL GENOCIDIO
Questa mattina, dopo l'udienza generale, l'arcivescovo cattolico di Armenia, Georgia e Russia a Erevan ha consegnato al papa un dossier di 1.120 pagine sul genocidio degli armeni. Il pontefice "lo ha ricevuto commosso e mi ha detto che la preghiera e la solidarietà umana sono la sua forza", ha dichiarato l'arcivescovo.Il libro è una documentazione bibliografica sul genocidio degli armeni, con fonti storiche ed ecclesiali raccolte in tutto il mondo in questi anni, in tutte le lingue, culture e fedi religiose. Comprende inoltre pubblicazioni, conferenze, tesi, testimonianze, costituendo una sorta di "enciclopedia" sullo sterminio.

Monsignor Minassian commenta poi le dure reazioni turche alle affermazioni del Papa, dicendo che "lui si è sacrificato per la giustizia, per la verità, per i diritti umani e soprattutto per le vittime innocenti". Il sommo pontefice ha infatti sempre parlato di umanesimo, di ricociliazione, dialogo religioso e interculturale: "che venga criticato e addirittura accusato o minacciato è un vero e proprio atto di ingratitudine - prosegue - oltre che una menzogna" da parte della massime autorità della Turchia e di un certo mondo politico".

Tutto il mondo armeno è grato al Papa, "perchè per cento anni questa popolazione ha sempre chiesto giustizia e diritto, ma il mondo politico li ascoltava con un orecchio sordo - lamenta la guida spirituale dei cattolici - ora speriamo che dopo le parole di Francesco si mobiliti la stessa Unione Europea".
Davanti alle reazioni di Ankara, "dovremmo forse dire di no, negare la verità storica, soltanto perchè la Turchia protesta e minaccia? - si chiede l'arcivescovo di Armenia - Non si può fare. Il Papa lo ha detto chiaramente: la Chiesa deve parlare con chiarezza e in libertà". Alla fine monsignor Minassian ringrazia Papa Francesco per il suo coraggio, per il suo senso di giustizia, che sicuramente si manifesterà anche per altre cause
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia