DOMENICA 26 LUGLIO 2015, 13:15, IN TERRIS

L'APPELLO DI BERGOGLIO ALL'ANGELUS: "LIBERATE DALL'OGLIO E TUTTE LE PERSONE RAPITE IN SIRIA"

Il Santo Padre ha ricordato gli ostaggi del conflitto siriano e accompagnato da due ragazzi si è pubblicamente iscritto alla Giornata Mondiale della Gioventù

EDITH DRISCOLL
L'APPELLO DI BERGOGLIO ALL'ANGELUS:
L'APPELLO DI BERGOGLIO ALL'ANGELUS: "LIBERATE DALL'OGLIO E TUTTE LE PERSONE RAPITE IN SIRIA"
Nonostante il caldo, Piazza San Pietro era gremita di pellegrini per partecipare alla preghiera dell'Angelus con il Papa. Il pensiero del Pontefice è stato rivolto alla popolazione siriana provata da un conflitto che non sembra avere fine e ancora una volta Francesco ha lanciato un appello per la liberazione di tutti gli ostaggi che si trovano nelle zone di guerra.

In particolar modo ricorda che tra qualche giorno ricorre il secondo anniversario da quando padre Paolo Dall'Oglio è stato rapito in Siria: "Auspico il rinnovato impegno delle competenti Autorità locali e internazionali, affinché a questi nostri fratelli venga presto restituita la libertà. Con affetto e partecipazione alle loro sofferenze, vogliamo ricordarli nella preghiera".

Prima però Francesco ha voluto compiere un gesto simbolico in occasione della GmG del 2016: affiancato da due ragazzi il Papa si è iscritto per primo alla Giornata Mondiale della Gioventù dando così ufficialmente inizio alle prenotazioni per il grande evento. "Celebrata durante l'Anno della Misericordia, questa Giornata sarà, in un certo senso, un giubileo dei giovani, chiamati a riflettere sul tema 'Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia'(Mt 5,7)".

Il Pontefice ha così invitato i giovani di tutto il mondo a vivere questo pellegrinaggio sia recandosi a Cracovia, sia partecipando a "questo momento di grazia nelle proprie comunità". Passando al commento del Vangelo domenicale, incentrato sul miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci da parte di Gesù, il Papa ha sottolineato che questo prodigio avviene grazie alla "potenza misericordiosa di Dio, che guarisce da ogni male del corpo e dello spirito. Il Signore sostituisce la logica del comprare con quella del dare".

La folla, ha proseguito, "è colpita dalla moltiplicazione dei pani; ma il dono che Gesù offre è pienezza di vita per l'uomo affamato". Egli, infatti, "sazia non solo la fame materiale, ma quella più profonda, la fame di senso della vita, la fame di Dio". Di fronte alla sofferenza, alla solitudine, alla povertà e alle difficoltà di tanta gente, Francesco si è chiesto: "Che cosa possiamo fare noi? Lamentarsi non risolve niente, ma possiamo offrire quel poco che abbiamo".

Infine nella festa dei Santi Gioacchino e Anna ha rivolto un pensiero speciale ai nonni, figura particolarmente cara a questo Papa. Dal Santo Padre il ringraziamento a tutte le nonne e i nonni "per la loro preziosa presenza nelle famiglie e per le nuove generazioni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione