SABATO 06 GIUGNO 2015, 12:08, IN TERRIS

L’APPELLO DI BERGOGLIO A SARAJEVO: “MAI PIÙ LA GUERRA”

Oltre 65mila fedeli hanno affollato lo stadio olimpico per la celebrazione eucaristica del Santo Padre

STEFANO CICCHINI
L’APPELLO DI BERGOGLIO A SARAJEVO: “MAI PIÙ LA GUERRA”
L’APPELLO DI BERGOGLIO A SARAJEVO: “MAI PIÙ LA GUERRA”
“La vera giustizia è fare a quella persona, a quel popolo, ciò che vorrei fosse fatto a me, al mio popolo”. E’ quanto affermato da Papa Francesco nell’omelia presso lo stadio olimpico Koševo di Sarajevo alla presenza di circa 65mila fedeli. Il successore di Pietro ha osservato che “nel nostro tempo l’aspirazione alla pace e l’impegno per costruirla si scontrano col fatto che nel mondo sono in atto numerosi conflitti armati. È una sorta di terza guerra mondiale combattuta ‘a pezzi’; e, nel contesto della comunicazione globale, si percepisce un clima di guerra”. “C’è chi questo clima vuole crearlo e fomentarlo deliberatamente – ha soggiunto – in particolare coloro che cercano lo scontro tra diverse culture e civiltà, e anche coloro che speculano sulle guerre per vendere armi”.

Il Pontefice ha lanciato un appello: “Oggi, cari fratelli e sorelle, si leva ancora una volta da questa città il grido del popolo di Dio e di tutti gli uomini e le donne di buona volontà: mai più la guerra!”. Inoltre ha evidenziato che nel Vangelo c’è scritto “beati gli operatori di pace” e non “beati i predicatori di pace”: “tutti sono capaci di proclamarla, anche in maniera ipocrita o addirittura menzognera”. La pace, ha spiegato, “è opera della giustizia”, una “giustizia praticata, vissuta”. Seguendo il comandamento di “amare il prossimo come sé stessi”, “quella persona, quel popolo, che vedevo come nemico, in realtà ha il mio stesso volto, il mio stesso cuore, la mia stessa anima”.

Il Santo Padre ha precisato che per essere “artigiani” di pace nel quotidiano è necessario avere gli atteggiamenti indicati da San Paolo – tenerezza, bontà, umiltà, mansuetudine, magnanimità – sopportandosi a vicenda e perdonandosi gli uni gli altri. “Non illudiamoci però – ha continuato – che questo dipenda solo da noi! Cadremmo in un moralismo illusorio. La pace è dono di Dio, non in senso magico, ma perché Lui, con il suo Spirito, può imprimere questi atteggiamenti nei nostri cuori e nella nostra carne, e fare di noi dei veri strumenti della sua pace”.

Infine, ha evidenziato che “solo se si lascia riconciliare con Dio, l’uomo può diventare operatore di pace”. Al termine della celebrazione, dopo il saluto dell’arcivescovo di Vrhbosna-Sarajevo, cardinale Vinko Puljić, e la benedizione finale, il Santo Padre si trasferisce in auto alla Nunziatura Apostolica dove pranza con i vescovi della Bosnia ed Erzegovina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"