MARTEDÌ 25 DICEMBRE 2018, 10:30, IN TERRIS


NATALE

La visita del cardinal Parolin in Iraq

Il Segretario di Stato è arrivato ieri nel Paese mediorientale dove ha celebrato la messa di mezzanotte

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il card. Parolin
Il card. Parolin
U

na notte di Natale speciale quella trascorsa ieri dal Segretario di Stato vaticano. Il cardinale Pietro Parolin, infatti, è in visita in Iraq fino al 28 dicembre. L'alto porporato ha concelebrato con il cardinale Louis Raphael Sako la santa messa di mezzanotte nella cattedrale caldea intitolata a San Giuseppe e situata nel quartiere di Karrada della cittadina di Qaraqosh.


Le tappe

E' il primo Natale dopo la liberazione dalle violenze dell'Isis. Il cardinale Parolin ci ha tenuto ad esprimere la sua vicinanza alla comunità cristiana del Paese che tante sofferenze ha dovuto subire in questi anni. Il Segretario di Stato è stato accolto all'aeroporto dal primo ministro iracheno, Adil Abdul-Mahdi. Durante la sua visita vedrà i rappresentanti governativi e i leader della Chiesa d'Oriente. Sull'agenda del cardinal Parolin non mancheranno visite a luoghi simbolicamente importanti, come le strutture che fanno beneficenza e assistono i più poveri.


L'invito al Papa

Il viaggio del cardinal Parolin potrebbe anche essere considerata un'opportunità per verificarere se l'Iraq sia in grado di ospitare un eventuale visita papale. Infatti, al Pontefice è già pervenuto un invito ufficiale da parte del presidente iracheno. La presenza del "numero due" della Santa Sede proprio durante la notte di Natale fa capire quanto la Chiesa ci tenga a sostenere il cammino di ricostruzione che interessa la comunità cristiana locale.


Il benvenuto

Il primo ministro iracheno ha dato l'annuncio dell'arrivo del Segretario di Stato vaticano sul suo profilo Twitter, scrivendo ieri: "Più tardi avrò il piacere di porgere il benvenuto al cardinale Pietro Parolin, Segretario di stato vaticano e alla delegazione di accompagnamento, a Baghdad. Discuteremo delle relazioni bilaterali e di una serie di altre questioni".


L'appello

In vista del viaggio del porporato italiano, il Patriarcato caldeo ha invitato i fedeli a vivere la festività “attraverso la testimonianza della nostra fede, preghiere, amore e contributo alla rinascita della nostra nazione, la nostra società e il nostro mondo”. Li si invita poi a non perdere il rapporto "familiare" con i sacramenti e seguire con impegno gli insegamenti della Chiesa.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INCIDENTI IN MONTAGNA

Alpinista scivola e muore in Valle Camonica

L’uomo, insieme a due amici per una scalata, è caduto per cento metri prima dello Spigolo Cassin. Per recuperare il...
GALLARATE

Aggressione al sacrestano di colore: “Ora temo per la mia vita”

L’uomo, originario del Burundi e cittadino italiano dal 2015, è stato attaccato da un uomo che lo ha spesso...
Ida Colucci, ex-direttrice del Tg2
GIORNALISMO

Lutto al Tg2, scomparsa Ida Colucci

Direttrice del telegiornale, ha dedicato la sua vita all'informazione
Simon Gautier
CILENTO

Aperta un'inchiesta sulla morte di Simon Gautier

L'ipotesi è che, dopo aver lanciato l'allarme, il 27enne sia deceduto nell'arco di 45 minuti
MIGRANTI

La Spagna apre i porti nelle Baleari, Open Arms vuole sbarcare a Lampedusa

La Francia è disposta ad accogliere 40 migranti. I 27 minori non accompagnati oggi a Porto Empedocle saranno trasferiti...
Hicham Boukssid, la vittima Hui
REGGIO EMILIA

Si è costituito il presunto killer di Stefania

La barista di origini cinesi era stata accoltellata lo scorso 8 agosto nel bar dove lavorava