VENERDÌ 03 APRILE 2015, 21:20, IN TERRIS

LA VIA CRUCIS IN UNA ROMA RACCOLTA IN PREGHIERA

In diretta televisiva mondovisione il Pontefice segue la traccia preparata quest'anno dal vescovo emerito di Novara

STEFANO CICCHINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
LA VIA CRUCIS IN UNA ROMA RACCOLTA IN PREGHIERA
LA VIA CRUCIS IN UNA ROMA RACCOLTA IN PREGHIERA
E’ iniziata la Via Crucis di Papa Francesco al Colosseo. In questo venerdì santo migliaia di fedeli si sono stretti attorno al Santo Padre per pregare insieme, come un’unica famiglia. La Croce stasera passa di mano in mano per 14 volte prima di raggiungere il vescovo di Roma. A portarla, oltre al cardinale vicario Agostino Vallini, anche persone provenienti da Terra Santa, Iraq, Siria, Nigeria, Egitto e Cina e poi una famiglia numerosa, un’altra con figli adottivi, un malato dell’Unitalsi accompagnato dalla sorella e da un barelliere e infine religiose latinoamericane. Fra gli argomenti sviluppati nel corso delle meditazioni le persecuzioni religiose o a causa della giustizia, la famiglia, la sofferenza, lo sfruttamento dei minori.

“Pure in questi giorni – si recita nella seconda stazione – vi sono uomini e donne che vengono imprigionati, condannati o addirittura trucidati solo perché credenti o impegnati in favore della giustizia e della pace. Essi non si vergognano della tua croce. Sono per noi mirabili esempi da imitare”. “Gesù, quanta tristezza nell’abisso di molte anime, ferite dalla solitudine, l’abbandono, l’indifferenza, la malattia, la morte di una persona cara!”. E’ questa la risonanza della settima stazione. “Forse anche oggi, Gesù, vedendo le nostre città, puoi avere motivo per piangere – continua l’ottava stazione –. Anche noi possiamo essere ciechi nei tuoi confronti, senza comprensione della via di pace da te indicata”.

Un altro forte richiamo avviene nella decima: “L’amore con il quale custodisci ogni creatura, ci fa pensare a situazioni tremende: il traffico di esseri umani, la condizione dei bambini-soldato, il lavoro che diventa schiavitù, i ragazzi e gli adolescenti derubati di se stessi, feriti nella loro intimità, barbaramente profanati”. Nell’undicesima stazione vengono suscitate alcune domande: “Quando sarà abolita la pena di morte, ancor oggi praticata in numerosi Stati? Quando sarà cancellata ogni forma di tortura e la soppressione violenta di persone innocenti?”.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carlo Delle Piane
LUTTO NELLO SPETTACOLO

Il cinema piange Carlo Delle Piane

L'attore, 83enne, aveva lavorato con Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, Totò, De Sica e Pupi Avati
Mons. Edgar Pena Parra
VATICANO

Venezuela, i vescovi difendono il Sostituto

In una nota l’episcopato denuncia le “false accuse” contro il “numero tre” della Santa Sede,...
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
La cattedrale di Notre-Dame a Ho Chi Minh
DIALOGO ED EVANGELIZZAZIONE

Vaticano e Vietnam mai così vicini

Incontro tra le delegazioni poi l’udienza con Papa Francesco. Nuovi spazi di libertà per la Chiesa
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...