GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 11:50, IN TERRIS

BERGOGLIO: "LA STORIA DEL CRISTIANO E' INSERITA IN UNA DIMENSIONE DI PECCATO E DI GRAZIA"

L'uomo si trova ogni giorno di fronte ad un'alternativa: "Servire o servirsi dei fratelli?"

HORTENSIA HONORATI
BERGOGLIO:
BERGOGLIO: "LA STORIA DEL CRISTIANO E' INSERITA IN UNA DIMENSIONE DI PECCATO E DI GRAZIA"
Nella quotidiana omelia a Casa Santa Marta Francesco ha voluto sottolineare come il cristiano sia inserito in una storia di peccato e di grazia, una condizione che lo pone di fronte alla continua scelta tra "servire o servirsi dei fratelli". Il Pontefice prendendo spunto dall'odierna liturgia, ha ricordato due tratti caratteristici dell'identità di un cristiano: "la storia e il servizio".

San Paolo, San Pietro e i primi discepoli, ricorda il Papa, non annunciavano un Gesù astratto ma una persona viva e concreta, "inserita nella storia del popolo, un popolo che Dio ha fatto camminare da secoli per arrivare" alla maturità e "alla pienezza dei tempi". Il cristiano, ha ribadito il Santo Padre, “non è un uomo, una donna spirituale di laboratorio, ma è un uomo, è una donna spirituale inserita in un popolo, che ha una storia lunga e continua a camminare fino a che il Signore torni”.

Questa storia però, come sottolinea Francesco, è fatta di persone fragili, piene di peccati, come il re Davide menzionato da San Paolo: “Era un santo, ma prima è stato un grande peccatore”. Ognuno deve assumere il proprio peccato e la grazia del Signore che è con noi. Non c'è identità cristiana senza storia”.

Il secondo tratto distintivo del popolo di Dio è il servizio e non l'egoismo. “Ma padre, tutti siamo egoisti’. Ah sì? E’ un peccato, è un'abitudine dalla quale dobbiamo staccarci. Chiediamo perdono, che il Signore ci converta. Siamo chiamati al servizio. Essere cristiano non è un'apparenza o anche una condotta sociale, non è truccarsi un pò l'anima, perché sia un po' più bella. Essere cristiano è fare quello che ha fatto Gesù: servire”.

Così il Papa al termine della sua riflessione ha invitato i fedeli a porsi la domanda: “Nel mio cuore cosa faccio di più? Mi faccio servire dagli altri, mi servo degli altri, della comunità, della parrocchia, della mia famiglia, dei miei amici o sono io che servo?”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

Igor il "russo" accetta l'estradizione in Italia

Sarà consegnato dopo i processi per i tre omicidi commessi in territorio spagnolo
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro