La sorpresa del Papa alle Clarisse di Spello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44

Le monache Clarisse di Santa Maria in Vallegloria di Spello non credevano ai loro occhi quando si sono viste comparire nel loro monastero Papa Francesco. Il Pontefice si è reso protagonista di una visita a sorpresa questa mattina.

Il Vescovo l'unico informato

Dell'improvvisata era informato soltanto monsignor Gualtiero Sigismondi, Vescovo di Foligno che ha spiegato: ““Il Papa mi aveva manifestato più volte l’idea. Poi ho capito che il viaggio aveva preso forma perché, nel nostro ultimo incontro, il Santo Padre mi ha mostrato di sapere precisamente distanza e tempo di percorrenza del viaggio per Spello! Alla Vigilia di Natale ho conosciuto il programma e questa gioia che non potevo condividere con nessuno ha segnato tutte le celebrazioni di questi giorni”. 

La cortesia ricambiata

Francesco ha ricambiato in questo modo la visita che le Clarisse gli avevano fatto a Casa Santa Marta il 25 agosto 2016. In quell'occasione il Santo Padre aveva celebrato la Messa per i terremotati. Il Papa aveva regalato alle 24 religiose una copia della Costituzione Apostolica “Vultum Dei quaerere”, incentrata proprio sulla vita contemplativa femminile. Francesco aveva detto loro: “Voi siete suore di clausura e nessuno vi vede, ma le persone riconoscono questa testimonianza”. “Voi – aveva proseguito il Santo Padre – seminate, con la vostra vita e con la vostra preghiera, la vita di Cristo negli altri”. “Voi non avete fuggito il mondo per paura, siete state chiamate e quella chiamata deve essere portata avanti secondo la regola, secondo quello che la Chiesa vi chiede; questa è la vostra testimonianza”.

Il viaggio

Bergoglio ha pranzato con le Clarisse e si è intrattenuto con loro per un momento di condivisione che le suore difficilmente dimenticheranno. Il Papa ha voluto regalare questa sorpresa alle monache nonostante le condizioni climatiche, con la neve caduta sulle strade del Centro Italia. Il Pontefice ha fatto ritorno in Vaticano nel pomeriggio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.