MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015, 17:40, IN TERRIS

LA SANTA SEDE RICONOSCE LO STATO DI PALESTINA

Redatto un accordo globale tra le parti. Mons. Camilleri: "La comunità internazionale lavori per la pace". Israele: "Siamo delusi"

DANIELE VICE
LA SANTA SEDE RICONOSCE LO STATO DI PALESTINA
LA SANTA SEDE RICONOSCE LO STATO DI PALESTINA
Il Vaticano firmerà un accordo globale nel quale riconoscerà ufficialmente lo "Stato di Palestina". "La commissione bilaterale ha concluso il suo lavoro - ha detto oggi il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi -. Abbiamo un testo che sarà presentato alle rispettive autorità e sarà stabilita una data per la firma". L'accordo riguarda "aspetti essenziali della vita e dell'attività della Chiesa cattolica in Palestina". Il presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Mahmoud Abbas, arriverà a Roma domani per una visita ufficiale di due giorni per poi recarsi sabato e domenica in Vaticano, dove incontrerà papa Francesco e parteciperà alla canonizzazione delle due suore palestinesi Marie Alphonsine Ghattas e Mariam Bawardy.

Il sottosegretario vaticano Antoine Camilleri ha espresso l'auspicio che "l'accordo raggiunto tra Santa Sede e Stato della Palestina possa in qualche modo aiutare i palestinesi nel vedere stabilito e riconosciuto uno Stato palestinese indipendente, sovrano e democratico, che viva in pace e in sicurezza con Israele e con i Paesi vicini; e che nello stesso tempo possa incoraggiare la comunità internazionale a intraprendere un'azione più incisiva per contribuire al raggiungimento di una pace duratura e all'auspicata soluzione dei due Stati". Per monsignor Camilleri, "questo sarebbe un bel contributo per la pace e per la stabilità del Medio Oriente, una regione da tanto tempo afflitta da conflitti. La Santa Sede e la Chiesa locale sono desiderose di collaborare in un cammino di dialogo e di pace".

Il riconoscimento della Palestina è stato censurato da Israele; il ministro degli Esteri di Tel Aviv si è detto "deluso". "Riteniamo - ha detto il responsabile della diplomazia israeliana - che tale decisione non conduca a riportare i palestinesi al tavolo del negoziato".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini