LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019, 10:13, IN TERRIS


REGGIO EMILIA

La Lettera del Vescovo contro le degenerazioni liturgiche

Mons. Camisasca fa alcune precisazioni sulle celebrazioni ai presbiteri della sua diocesi

NICO SPUNTONI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mons.Massimo Camisasca
Mons.Massimo Camisasca
M

onsignor Massimo Camisasca, Vescovo di Reggio Emilia-Guastalla dal 2012, ha preso carta e penna ed ha scritto una lettera piuttosto eloquente ai presbiteri, diaconi e fedeli della diocesi sulla liturgia. 


L'importanza della liturgia

Nella sua missiva, monsignor Camisasca ha sottolineato l'importanza della liturgia definendola "uno dei beni più grandi che Cristo ha lasciato alla Chiesa". Il Vescovo ha chiamato in causa l'insegnamento del Concilio Vaticano II, ricordando come la "Sacrosanctum Concilium" dedicata alla questione sia stata la prima Costituzione approvata dai Padri nel 1963. Appellandosi ai passaggi di quel testo, monsignor Camisasca ha scritto: "La Liturgia è la nostra partecipazione al dialogo eterno che avviene tra il Padre e il Figlio, nello Spirito. Essa è innanzitutto preghiera di Cristo al Padre, a cui tutti gli uomini nella Chiesa sono chiamati a unirsi, anzi a cui partecipa, in certo modo, tutto l’universo creato". 


L'annuncio

Il Vescovo ha anche annunciato di star lavorando alla stesura di una Lettera Pastorale dedicata proprio a questo tema che dovrebbe uscire alla fine dell'anno in corso o all'inizio del 2020. Il presule ha affermato: "La Liturgia, ben celebrata e vissuta, è il cuore di ogni comunità e di ogni missione, soprattutto è il cuore della carità. Non possiamo amare se il nostro cuore non è rinnovato ogni giorno dall’amore che è Dio". 


L'invito

Da monsignor Camisasca anche un invito ai presbiteri della sua diocesi a rileggere e medirare "in profondità i principali testi del Magistero su questa materia, da 'Sacrosanctum Concilium' alle 'Introduzioni e Rubriche' dei libri liturgici, e considerino così quanto sia fondamentale, per la vita del loro popolo e in obbedienza alla volontà di Cristo che giunge a noi attraverso il Magistero della Chiesa, che la celebrazione della Liturgia non si discosti mai, per nessun motivo, da ciò che Cristo ci ha chiesto nel giorno della nostra ordinazione". Parole che suonano anche come un ammonimento per quei sacerdoti che si rendono responsabili di inaccettabili degenerazioni nella liturgia. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Sergio Mattarella
ELEZIONI EUROPEE

Mattarella: "Sovranismo? Non minaccerà l'Ue"

Il Capo dello Stato a "Revue de Politique Internationale": "Sull'immigrazione servono soluzioni europee"
Corydalis densiflora subsp. apennina
MARCHE - UMBRIA

Scoperta una nuova pianta sugli Appennini

L'Italia è il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea
Sfruttamento della prostituzione
TORINO

Sfruttamento della prostituzione: 11 arresti

I fermati sono 8 donne e 3 uomini tutti di nazionalità nigeriana
Armando Siri
CAOS GOVERNO

Siri si difende: "Usato come carne da macello"

Il sottosegretario: "Tangente? Ma siamo matti? Mai preso un soldo"
La chiesa dell'Abbazia di Praglia
PADOVA

L'acqua e i benedettini, tra storia e discernimento

Nell'Abbazia di Praglia, i cicli di seminari di "Armonie composte - Gestione, cura e costruzione del suolo"