GIOVEDÌ 11 MAGGIO 2017, 12:34, IN TERRIS

La denuncia dei vescovi latino-americani: “La responsabilità del disastro del Venezuela è di Maduro”

"Una dittatura verniciata di democrazia" ha commentato Mons. Roberto Lückert, Arcivescovo emerito dell'Arcidiocesi di Coro

EDITH DRISCOLL
La denuncia dei vescovi latino-americani: “La responsabilità del disastro del Venezuela è di Maduro”
La denuncia dei vescovi latino-americani: “La responsabilità del disastro del Venezuela è di Maduro”
“Il Venezuela vive una crisi umanitaria, il governo è proprio fuori strada con la proposta dell'Assemblea Costituente rifiutata da tutti cittadini” ha affermato Mons. Cástor Oswaldo Azuaje Pérez, O.C.D., Vescovo di Trujillo (Venezuela), in una intervista telefonica ad un giornale locale venezuelano riportata dall'organo di informazione delle Pontificie Opere Missionarie.

La dittatura di Maduro


Il vescovo ha anche aggiunto che la situazione del Paese è drammatica e che il Venezuela è ormai governato da una dittatura civile-militare.

Mentre il Vescovo di Trujillo denunciava la politica del governo che continua a provocare marce di protesta del popolo ogni giorno, i Vescovi di tutta l'America, riuniti a San Salvador hanno accordato di pronunciarsi contro il governo di Maduro, ritenuto unico responsabile della mancanza di cibo e medicine nel Paese.

Secondo quanto riportato ieri dai media di El Salvador, la dura posizione dei Vescovi latino-americani è stata presa dopo che l’Assemblea del Celam ha ascoltato il rapporto del Presidente della Conferenza Episcopale del Venezuela, Mons. Rafael Diego Padron.

Le proteste di piazza


La rivolta popolare nel Paese sud americano è scoppiata nei giorni scorsi in conseguenza delle decisioni della Camera del Tribunale Supremo di Giustizia (Tsj), che limitano l'immunità costituzionale e privano l'Assemblea Nazionale (An) dei suoi poteri.

"Questo è ciò che vogliono imporre qui, una dittatura verniciata di democrazia - ha commentato Mons. Roberto Lückert, Arcivescovo emerito dell'Arcidiocesi di Coro -. E' scandalosa la quantità di gas lacrimogeni che sta usando il governo per sedare le proteste: Ma non saranno in grado di fermarle: la gente è stanca, da 18 lunghi anni il popolo vede che ogni giorno è peggio, e adesso c'è l'angoscia perché non c'è cibo, neanche sicurezza e, naturalmente, la gente non vuole questo, allora protestano, per cercare una via d'uscita da questa crisi". Fonte: Fides
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano