GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 003:30, IN TERRIS

LA CEI CONTRO IL PRECARIATO: "NEI DISOCCUPATI C'E' IL CRISTO CHE SOFFRE"

Invitano poi i cristiani a pregare per le fragilità dell'animo e lavorative

CLAUDIA GENNARI
LA CEI CONTRO IL PRECARIATO:
LA CEI CONTRO IL PRECARIATO: "NEI DISOCCUPATI C'E' IL CRISTO CHE SOFFRE"
La Commissione Episcopale per  i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace lancia un Messaggio in occasione del primo maggio, dicendo che il precariato è la situazione in cui si trovano in molti, soprattutto alle periferie della società, e che “più di tutto richiede premura”. Infatti, senza lavoro “non c’è famiglia, non c’è dignità umana”, sottolineando che sono ancora troppi tra i giovani a non avere una dignità nelle situazioni lavorative.

“In tante famiglie le reti sono e restano vuote”, si legge, un dramma che ci fa comprendere le parole del Papa: “L’evolversi dell’idolatria del denaro ci sta facendo affogare nella rovina e nella perdizione”. La Commissione continua a dire che il grido dei precari è realmente la periferia che più di tutte chiede premura, la stessa di “San Giuseppe nella bottega di Nazareth”. Perché nei tanti disoccupati “c’è realmente il Cristo che soffre, che “consoffre”, lui, il Figlio dell’uomo che non ha dove posare il capo.”

Invitano poi tutte le comunità cristiane a sostare in una Veglia di riflessione e preghiera per queste situazioni difficili, per le fragilità e precarietà sia dell’anima che lavorative, con “cuore attento e vigilante”. È proprio la Chiesa, in quanto “esperta di umanità”, che deve sentire il bisogno di “spezzare il pane, perché con cinque pani si possa nutrire il pianeta”. Nel messaggio si sottolinea poi che ogni cristiano dovrebbe essere una “presenza umanizzante”, che come il Cireneo,  si “fa carico anche delle croci degli altri sul cammino della vita”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti