VENERDÌ 08 MARZO 2019, 12:42, IN TERRIS


CRISI UMANITARIA

L'appello del vescovo alle autorità del Venezuela

La diocesi di San Antonio ha inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre il video dell'omelia di mons. Moronta

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mons. Mario Moronta al confine tra Venezuela e Colombia - Photo Acs
Mons. Mario Moronta al confine tra Venezuela e Colombia - Photo Acs
"N

on siamo oggetti, ma esseri umani. Le autorità devono rispettare le persone e aprire la frontiera". È accorato l’appello che il vescovo di San Cristóbal, monsignor Mario Moronta, ha espresso celebrando la messa del Mercoledì delle Ceneri nella parrocchia San Antonio, vicino al confine venezuelano con la Colombia. La diocesi ha inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre il video dell’omelia, nella quale il presule chiede più volte alle autorità del Venezuela di riaprire la frontiera. "Questa demarcazione non è una semplice linea ma rappresenta la cultura di fraternità che ci unisce ai nostri fratelli colombiani", ha affermato denunciando come il governo ignori "il contrabbando di carburante e perfino quello di esseri umani", concentrandosi invece "sulla gente perbene" impedendole di varcare il confine per motivi di lavoro o umanitari. "Le autorità che si definiscono protettrici dello Stato di Tachira, come possono ignorare i tantissimi bambini che hanno bisogno di andare a Cúcuta per curarsi? Mentre criticano l’esistenza di un impero che costruisce barriere, a pochi metri da qui abbiamo visto come si alzano muri per impedire il passaggio in Colombia".


L'impossibilità di far arrivare aiuti

Monsignor Moronta ha apertamente denunciato l’impossibilità per gran parte degli aiuti umanitari di giungere nel Paese sudamericano. "È immorale quanto si sta facendo in tutto il Venezuela, ma soprattutto lungo i confini. In questa Quaresima preghiamo Dio affinché tocchi il cuore e converta quanti commettono violenze e operi il miracolo di far capire alle autorità che non possiedono la frontiera e non possono chiuderla". Il presule ribadisce tuttavia come, nonostante le chiusure imposte ai confini, i venezuelani non abbiano mai smesso di essere "uomini di carità e di speranza sempre pronti ad accogliere i nostri fratelli. Il mondo intero deve capire che la fraternità tra Venezuela, Colombia e Brasile non termina qui". A nome dei suoi confratelli vescovi e di tutti i sacerdoti del Paese, monsignor Moronta ha voluto ribadire la "nostra vicinanza al popolo venezuelano e il nostro sentito grazie a tutti quei ministri di Dio che effettuano il loro apostolato nelle zone di frontiera e che a dispetto delle gravi difficoltà e la persecuzione si mantengono saldi nella fede e vicini al popolo".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Bruno Siciliano, docente della Federico II e alle spalle il robot RoDyMan

A Ravello prova di cyber-orchestra

Dal podio il robot RoDyMan dirige il concerto delle Conservatorio “Martucci”
Il presidente dimissionario dell'Anac, Raffaele Cantone
POTERE GIUDIZIARIO

Cantone lascia l'Anac

L'annuncio del Presidente in una lettera: "L'Autorità ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma è...
Il grattacielo della Regione Piemonte
INCHIESTA

Grattacielo Regione Piemonte: 10 indagati

Notificato l'avviso di chiusura indagini per l'inchiesta sulla nuova sede regionale
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
La palazzina andata distrutta
PORTOFERRAIO

Esplode casa all'Isola d'Elba: 1 morto

Tre persone sono state estratte vive, ma ferite. Una donna è dispersa
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti
Esplosione di un razzo Grad
LIBIA

Razzi vicino allo scalo Tripoli: voli sospesi

Le forze di Haftar hanno annunciato l'avvio de "l'ora zero"