VENERDÌ 08 MARZO 2019, 12:42, IN TERRIS

CRISI UMANITARIA

L'appello del vescovo alle autorità del Venezuela

La diocesi di San Antonio ha inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre il video dell'omelia di mons. Moronta

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mons. Mario Moronta al confine tra Venezuela e Colombia - Photo Acs
Mons. Mario Moronta al confine tra Venezuela e Colombia - Photo Acs
"N

on siamo oggetti, ma esseri umani. Le autorità devono rispettare le persone e aprire la frontiera". È accorato l’appello che il vescovo di San Cristóbal, monsignor Mario Moronta, ha espresso celebrando la messa del Mercoledì delle Ceneri nella parrocchia San Antonio, vicino al confine venezuelano con la Colombia. La diocesi ha inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre il video dell’omelia, nella quale il presule chiede più volte alle autorità del Venezuela di riaprire la frontiera. "Questa demarcazione non è una semplice linea ma rappresenta la cultura di fraternità che ci unisce ai nostri fratelli colombiani", ha affermato denunciando come il governo ignori "il contrabbando di carburante e perfino quello di esseri umani", concentrandosi invece "sulla gente perbene" impedendole di varcare il confine per motivi di lavoro o umanitari. "Le autorità che si definiscono protettrici dello Stato di Tachira, come possono ignorare i tantissimi bambini che hanno bisogno di andare a Cúcuta per curarsi? Mentre criticano l’esistenza di un impero che costruisce barriere, a pochi metri da qui abbiamo visto come si alzano muri per impedire il passaggio in Colombia".


L'impossibilità di far arrivare aiuti

Monsignor Moronta ha apertamente denunciato l’impossibilità per gran parte degli aiuti umanitari di giungere nel Paese sudamericano. "È immorale quanto si sta facendo in tutto il Venezuela, ma soprattutto lungo i confini. In questa Quaresima preghiamo Dio affinché tocchi il cuore e converta quanti commettono violenze e operi il miracolo di far capire alle autorità che non possiedono la frontiera e non possono chiuderla". Il presule ribadisce tuttavia come, nonostante le chiusure imposte ai confini, i venezuelani non abbiano mai smesso di essere "uomini di carità e di speranza sempre pronti ad accogliere i nostri fratelli. Il mondo intero deve capire che la fraternità tra Venezuela, Colombia e Brasile non termina qui". A nome dei suoi confratelli vescovi e di tutti i sacerdoti del Paese, monsignor Moronta ha voluto ribadire la "nostra vicinanza al popolo venezuelano e il nostro sentito grazie a tutti quei ministri di Dio che effettuano il loro apostolato nelle zone di frontiera e che a dispetto delle gravi difficoltà e la persecuzione si mantengono saldi nella fede e vicini al popolo".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il giudice Paolo Adinolfi
DELITTO DELL'OSTIENSE

Giudice Adinolfi, il giallo della scomparsa

Il figlio Lorenzo: "Basta omertà, subito la riapertura delle indagini"
Filippo Magnini
NUOTO

Il Tas assolve Magnini: via la squalifica per doping

L'ex nuotatore, due volte campione del mondo, scagionato dalle accuse di tentato uso di sostanze dopanti
La nave da crociera Msc
CROCIERA MSC

Proteste a Cozumel per lo sbarco della nave Msc

L'ok del Messico dopo i "No" di Giamaica e isole Cayman per un caso di influenza a bordo
SUICIDIO ASSISTITO

Choc in Germania: per i giudici togliersi la vita è un diritto

La Corte Costituzionale ha deciso di annullare l'articolo 217 del Codice penale che vietava la possibilità alalle...
Edificio scolastico distrutto dalle bombe
SIRIA

Unicef: "Basta bombardare le scuole a Idlib"

Nell'attacco a 10 scuole sono stati uccisi 12 civili tra bambini e insegnanti
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia
TERREMOTO

Sisma magnitudo 3 nel Golfo di Salerno: la situazione

Tremano anche le Eolie e la Calabria: al momeno non risultano danni a persone o cose
PER USCIRE DALLA CRISI

La ripresa affidata alle start up innovative

In Italia sta funzionando la modalità di costituzione digitale e gratuita delle nuove imprese con pratiche rapide ed...
Etichetta alimenatre

"Spesso buono oltre": la data di scadenza contro lo spreco alimentare

Lidl introduce la nuova etichetta che accompagnerà "Da consumare preferibilmente entro"
Roseto degli Abruzzi
CORONAVIRUS

Primo caso positivo in Abruzzo: è un turista brianzolo

La conferma del contagio arriverà solo con gli esiti del secondo esame dello Spallanzani
Anziano in ospedale
GERMANIA

Chiesa cattolica ed evangelica contro gli aiuti al suicidio

La sentenza Corte costituzionale riapre la possibilità della pubblicità suicidale
Il luogo della sparatoria
WISCONSIN | USA

Sparatoria a Milwaukee, 6 morti tra cui l'aggressore

L'uomo ha ucciso 5 dipendenti e si è suicidato. Trump: "Assassino cattivo"
Bimbo in strada in Giappone
CORONAVIRUS

Cina, decessi minimi da gennaio: ieri 29 morti

In Corea del Sud quasi 1600 contagi. Il Giappone chiude le scuole
Il neonato ricoperto dal padre di banconote
CATANIA E SIRACUSA

Mafia: chiuse 3 piazze di spaccio, 6 arresti

I proventi dello spaccio servivano a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi