LUNEDÌ 21 GENNAIO 2019, 10:47, IN TERRIS


IL RICONOSCIMENTO

Kiko Arguello cittadino onorario di Porto San Giorgio

Dagli anni '80 sorge nella città marchigiana il Centro Internazionale del Cammino Neocatecumenale

MIGUEL CUARTERO SAMPERI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Kiko Arguello riceve la cittadinanza onoraria a Porto San Giorgio
Kiko Arguello riceve la cittadinanza onoraria a Porto San Giorgio
L

a città di Porto San Giorgio è una piccola ma vivace cittadina della costiera adriatica (provincia di Fermo, Marche) che conta 16mila abitanti. Da decine di anni è presente un centro di spiritualità che ospita ogni anno decine di migliaia di laici e religiosi provenienti da tutto il mondo. Si tratta del Centro Internazionale del Cammino Neocatecumenale sorto negli anni '80 su un terreno donato da una coppia di sposi delle comunità neocatecumenali. Sollecitati dalle parole di Gesù e dalla predicazione di Kiko e Carmen, Patrizio – un affermato medico – e sua moglie decisero di donare quel terreno (dove avevano un’azienda agricola) per l’evangelizzazione. E’ proprio qui, sulle colline di Porto San Giorgio, che ogni anno gli iniziatori del Cammino Neocatecumenale si riuniscono con i rettori e i vice-rettori dei più di centoventi seminari Redemptoris Mater, coi seminaristi di tutta Europa, con i catechisti itineranti di tutto il mondo e con le numerose famiglie in missione sparse per i cinque continenti. Tutti i missionari alloggiano negli alberghi della cittadina marchigiana, ormai abituati al via vai di clienti provenienti da tutto il mondo, mentre le riunioni si svolgono all’interno della grande sala chiamata “Tenda della riunione”.


"Dato lustro a Porto San Giorgio"

Grazie a questo Centro, che nel 1988 ricevette la speciale visita del papa san Giovanni Paolo II, la città di Porto san Giorgio è dunque diventata una città conosciuta in tutto il mondo dove è presente il Cammino Neocatecumenale, dal Panama al Madagascar, dalla Svezia alle Filippine; un vero e proprio centro internazionale per l’annuncio del Vangelo in tutto il mondo. Ecco perché il 14 gennaio 2019 il Consiglio Comunale di Psg ha deciso all’unanimità di concedere la Cittadinanza Onoraria all’iniziatore del Cammino Francisco José Gómez de Arguello Wirtz, detto Kiko, "per aver attribuito a Porto San Giorgio una sempre crescente e duratura visibilità internazionale che dura da oltre quarant’anni, creando nella città virtuose e prolifiche relazioni economiche e sociali di cui ha beneficiato la comunità cittadina". Nella delibera – che menziona tra le altre cose la visita di Giovanni Paolo II il 30 dicembre 1988 "accolto dalle massime autorità civili, militari e religiose dell’epoca" – si legge che: "La scelta di Kiko Arguello di fare di Porto San Giorgio il punto di riferimento mondiale di tutto il Movimento Neocatecumenale ha dato risalto, visibilità internazionale e lustro alla nostra Città determinando tra l’altro, una serie di relazioni socio economiche di rilevanza assoluta per la nostra comunità e per il territorio tutto". Inoltre si ricorda un recente episodio che ha avuto risonanza sui media internazionali: "In data 10.09.18 durante un incontro internazionale presso il Centro di Porto San Giorgio, Kiko Arguello è stato raggiunto dalla telefonata di S.S. Papa Francesco che ha voluto rivolgere il suo saluto a tutti i convenuti. L’episodio è stato riportato da tutti i media nazionali con grande rilevanza, facendo espresso richiamo alla Città di Porto San Giorgio, sede dell’evento neocatecumenale". Il riconoscimento è stato consegnato a Kiko Arguello sabato 19 gennaio dal Sindaco di Porto San Giorgio, avv. Nicola Loira, all’interno del raduno internazionale di itineranti che si è svolto in questi giorni nella località marchigiana. Il sindaco ha inoltre riconosciuto che Arguello ha “nobilitato” Porto San Giorgio "dandole lustro in tutto il mondo".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
PARIGI

Ricostruire Notre-Dame per far rinascere la fede

Messaggio di papa Francesco alla diocesi di Parigi impegnata a riportare al suo antico splendore la cattedrale gravemente...
Felice Gimondi
CICLISMO

Addio a Felice Gimondi, il campione che battè il Cannibale

L'ex ciclista colto da un infarto in Sicilia. Con l'amico-rivale Eddy Merckx segnò un'epopea di duelli...
ROMA

Un secolo e mezzo al servizio dell’infanzia

Il 20 novembre a Roma la serata per i 150 anni del Bambino Gesù. L’evento di solidarietà condotto da Amadeus...
La Luna
SPAZIO

La sonda indiana Chandrayaan 2 si avvicina all’orbita lunare

L’allunaggio è previsto per il 7 settembre. L’India sarà il primo paese sul Polo Sud della Luna

La presidente del Senato, Casellati apre domenica il 40° Meeting di Rimini

Tra i temi dell’edizione 2019 le prospettive dell’Europa, il dialogo tra fede e scienza, le persecuzione dei...
Jesolo
VENEZIA

Jesolo, trovato il corpo del giovane scomparso in mare

I soccorritori lo hanno ritrovato vicino al luogo del tuffo dal pedalò. Il Comune di Jesolo ha rimandato a oggi i fuochi...
SPORT E VITA

Il surf metafora della vita

La giornalista Ellis Avery (The New York Times) sonda il mistero della sofferenza umana attraverso lo sport