SABATO 23 MAGGIO 2015, 005:00, IN TERRIS

INDONESIA: LA FEDE RELIGIOSA NON SARA' PIU' SCRITTA SULLA CARTA D'IDENTITA'

Non è più obbligatorio indicare sui documenti la propria appartenenza a una delle sei confessioni riconosciute dal governo

REDAZIONE
INDONESIA: LA FEDE RELIGIOSA NON SARA' PIU' SCRITTA SULLA CARTA D'IDENTITA'
INDONESIA: LA FEDE RELIGIOSA NON SARA' PIU' SCRITTA SULLA CARTA D'IDENTITA'
Un grande passo avanti in nome della libertà religiosa per gli indonesiani di tutte le fedi: finora era obbligatorio per i cittadini inserire nei documenti e sulla carta d'identità uno delle sei confessioni riconosciute dal governo indipendentemente dalla loro effettiva appartenenza. Il ministro degli Interni Tjahjo Kumolo conferma che "ora sarà possibile dichiarare la vera fede di appartenenza". Dietro la modifica vi sono ragioni pratiche e amministrative; tuttavia, per attivisti e gruppi pro-diritti umani è un passo in avanti in materia di libertà religiosa. Gli indonesiani alla voce “religione” del documento, potranno lasciare uno spazio in bianco oppure indicare una fede anche al di fuori delle sei riconosciute ufficialmente dallo stato: Islam, Protestantesimo, Cattolicesimo, Induismo, Buddismo e Confucianesimo.

Tjahjo, ha spiegato che uno dei motivi principali per il cambio della regola è avere la precisa informazione dei riti funerari da osservare in caso di morte di una persona. “Non bisogna forzare le persone, ad esempio, a scegliere l'Islam se la loro fede assomiglia insegnamenti islamici ma non è la stessa” - ha detto il ministro, spiegando che  prima di giungere a questa decisione sono stati consultati diversi leader religiosi.

Grande impulso per questa modifica è stato dato da Basuki Tjahaja Purnama, politico cristiano, governatore del distretto della capitale Giacarta che così ha affermato: “Per la crescita futura dell’Indonesia occorre avere il coraggio di modificare una norma ormai desueta”. Inoltre l’obbligo di scelta fra le sei religioni riconosciute ha indotto milioni di cittadini indonesiani a definirsi ufficialmente “musulmani”, mentre, di fatto, seguono e praticano culti tradizionali indigeni. Ora quindi potrebbe ridefinirsi il volto religioso della nazione indonesiana.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"