MERCOLEDÌ 24 GIUGNO 2015, 005:15, IN TERRIS

INDONESIA: LA CORTE COSTITUZIONALE NEGA I MATRIMONI "MISTI"

Secondo i supremi Giudici non sono riconosciuti i legami tra persone di religione diversa

AUTORE OSPITE
INDONESIA: LA CORTE COSTITUZIONALE NEGA I MATRIMONI
INDONESIA: LA CORTE COSTITUZIONALE NEGA I MATRIMONI "MISTI"
La Corte costituzionale in Indonesia ha respinto la richiesta di emendare la legge sui matrimoni, che finora ha impedito il riconoscimento delle unioni di coniugi di religione diversa.  Una legge controversa, che nel luglio scorso un gruppo di studenti ha cercato di modificare attraverso un’iniziativa personale – e popolare – che aveva trovato il sostegno dei vertici della Chiesa cattolica locale. Ma nei giorni scorsi lo stop dei supremi giudici, secondo i quali resta in vigore la legge 1 del 1974, che fonda sulla “religione” il pieno fondamento di un’unione coniugale.

La Conferenza episcopale indonesiana (Kwi) aveva “sposato” in pieno la battaglia in difesa dei diritti civili, in particolare nel settore dei matrimoni misti fra fedeli di religione diversa, che vanno sempre riconosciuti, garantiti e tutelati. Una posizione di rottura rispetto alle leggi dello Stato del Paese musulmano più popoloso al mondo, in base alle quali una unione civile segue sempre la celebrazione di una funzione religiosa e in essa trova il suo fondamento; perché solo il manto della religione rende effettivo il legame fra due persone, che “devono” professare la stessa fede.

Alle coppie miste non resta quindi altra alternativa che la celebrazione di una funzione oltremare, oppure alla conversione di uno dei due coniugi. Del resto il matrimonio in Indonesia non è solo questione di cuore e materiale personale, perché spesso coinvolge anche le famiglie e diventa oggetto di controversia anche in tema di fede. Una posizione contro la quale si è battuto a lungo p. Purbo Tamtomo, esperto di diritto dell’arcidiocesi di Jakarta, secondo cui andrebbero “difesi e tutelati” i diritti civili di tutti i cittadini. Un parere pronunciato nel novembre 2014 davanti alla Corte costituzionale, nel corso di un’udienza relativa alla battaglia legale sul riconoscimento dei matrimoni misti.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Minore sul web
PEDOPORNOGRAFIA

Il 53% delle vittime ha 10 anni o meno

L'allarme è contenuto nell'ultimo rapporto dell'Unicef su web e minori
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara