MERCOLEDÌ 01 APRILE 2015, 11:25, IN TERRIS

INDONESIA: CHIUSI 22 SITI ISLAMICI RADICALI CHE OFFENDONO LA RELIGIONE

Il Paese si sta impegnando per combattere lo Stato Islamico nel web perchè discrimina i veri fedeli

CLAUDIA GENNARI
INDONESIA: CHIUSI 22 SITI ISLAMICI RADICALI CHE OFFENDONO LA RELIGIONE
INDONESIA: CHIUSI 22 SITI ISLAMICI RADICALI CHE OFFENDONO LA RELIGIONE
L’Agenzia Anti-terrore indonesiana (Bnpt) ha chiuso oggi 22 siti internet contenenti materiale islamico-radicale perché contenevano “falsi insegnamenti sull’islam”. L’operazione si è svolta con il coordinamento del Ministero della Comunicazione e dell’Informazione dell'Indonesia. Ismail Cawidu, portavoce di tale ministero, ha confermato che tale iniziativa è cominciata dopo la fera richiesta della Bnpt, preoccupata non solo delle possibili ripercussioni violente che i siti avrebbero potuto portare, ma anche del rispetto di una religione secolare.

Quella di oggi è solo la prima azione diretta del governo contro il radicalismo islamico online. Da vari anni l’Indonesia infatti assiste sul web ad una vera e propria escalation di materiale integralista che inneggia alla jihad. Nel passato poca attenzione è stata data alla questione, infatti durante i due mandati dell’ex-presidente Yudhovono (2005-2014), le richieste della popolazione- allarmata daalla pericolosa propaganda di questi siti – non sono mai state ascoltate in maniera adeguata dall’ex-ministro della Comunicazione Tifatul Sembiring. Infatti il politico, sulla pressione dell’ala islamica del Parlamento, ha sempre anteposto la battaglia contro la pornografia online a quella contro il radicalismo religioso, che infanga il culto stesso.

Però con il nuovo governo, soprattutto nelle ultime settimane, Jakarta ha aumentato le misure per contrastare la questione, le forze di polizia hanno compiuto alcuni raid e diversi militanti, legati allo Stato Islamico, sono stati arrestati. Per esempio lo scorso 27 marzo la polizia di East Java ha arrestato tre miliziani di ritorno dalla Siria perché erano delusi dal Califfato. Per cui le operazioni compiute rientrano nel pieno rispetto religioso e soprattutto vogliono tutelare i fedeli che spesso vengono discriminati a causa delle operazioni degli integralisti violenti.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
Piazza Fontana
STRAGE DI PIAZZA FONTANA| ANNIVERSARIO

Mattarella:
"Cercare la verità"

Il capo dello Stato ricorda le vittime dell'attentato che aprì la stagione degli "anni di Piombo"
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani