GIOVEDÌ 18 GIUGNO 2015, 17:30, IN TERRIS

INDIA, RADICALI INDÙ CHIEDONO DI BANDIRE LE SCUOLE CATTOLICHE DALL’INDIA

La risposta del Global Council of Indian Christians: “Anche i parenti dei radicali indù frequentano le nostre aule”

MILENA CASTIGLI
INDIA, RADICALI INDÙ CHIEDONO DI BANDIRE LE SCUOLE CATTOLICHE DALL’INDIA
INDIA, RADICALI INDÙ CHIEDONO DI BANDIRE LE SCUOLE CATTOLICHE DALL’INDIA
Allarmante proposta anti minoranze religiose in India. L’organizzazione della destra radicale Hindu Janajagruti Samiti, riunitasi durante l’All India Hindu Convention che si è svolto dall’11 al 17 giugno scorsi al villaggio Ramnathi a Goa, ha proposto di bandire le scuole cattoliche dal Paese. La motivazione addotta riguarda l’organizzazione degli istituti cattolici i quali, secondo le accuse dei radicali, non permetterebbero agli studenti indù di seguire le loro tradizioni religiose. “Una domanda a dir poco assurda” commenta mons. Theodore Mascarenhas, vescovo ausiliare di Ranchi ed ex membro del Pontificio consiglio per la cultura. “Chi frequenta le nostre scuole – ricorda – lo fa per sua libera scelta, per via dell’educazione eccellente che si riceve in questi istituti”. “La maggior parte degli indù – conclude il vescovo– non è d’accordo con queste forze radicali. Tali elementi estremisti vogliono distruggere il Paese. Stanno giocando con il tessuto laico della nostra grande nazione”.

Durante la conferenza – organizzata “per fondare l’Hindu Rashtra (“nazione indù”) – l’Hjs ha rilasciato anche una “risoluzione ufficiale” nella quale si afferma che “gli studenti indù che studiano nelle scuole cattoliche hanno il divieto di seguire i loro costumi, come mettere il mehndi [henné] o dipingersi il bindi. Tutto questo va fermato. È una totale discriminazione”. Nella stessa occasione, il gruppo radicale ha anche chiesto di vietare la macellazione della carne di vacca in tutto il Paese.

Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), condanna quelli che lui chiama “tentativi deliberati della brigata hindutva di svilire e screditare le istituzioni educative cristiane. Il governo cerca di ‘zafferanizzare’ l’educazione per diffondere e inculcare la sua agenda nazionalista nelle menti dei giovani studenti”. “È interessante – sottolinea poi il leader cristiano – che le scuole cattoliche sono le più ricercate anche dai parenti degli stessi radicali indù. Non è nulla di nuovo, considerata l’attuale mentalità politica, visto che le nostre istituzioni impartiscono un’educazione laica, progressista e scientifica, oltre a un sistema di valore. La ‘brigata indù’ – conclude - sta facendo un grande disservizio al futuro sviluppo del Paese”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti