GIOVEDÌ 25 AGOSTO 2016, 000:53, IN TERRIS

IL SEGRETARIO DI STATO VATICANO: "CONTINUA SENZA SOSTA IL DIALOGO CON LA CINA"

Mons. Parolin: "Non esistono due Chiese differenti, una fedele al Papa e l’altra sottomessa al Governo, ma due comunità desiderose di vivere la comunione con Roma"

AUTORE OSPITE
IL SEGRETARIO DI STATO VATICANO:
IL SEGRETARIO DI STATO VATICANO: "CONTINUA SENZA SOSTA IL DIALOGO CON LA CINA"
In un’intervista al quotidiano Avvenire, il Segretario di Stato Vaticano, mons. Parolin, affronta numerosi temi, dal terrorismo all'immigrazione, dalla situazione dei cristiani in Medio Oriente fino al dialogo con la Cina. Il porporato sottolinea, in primis, la straordinaria attualità della figura di Giovanni Paolo I: “Nel corso del suo breve pontificato con efficacia egli ha messo al centro l’amore e di Dio e del prossimo e le opere di misericordia, e ha ripercorso con i gesti e le parole le strade aperte dal Concilio nella fedeltà al Vangelo: in particolare la povertà ecclesiale, la collegialità, come anche la ricerca dell’unità con i fratelli ortodossi e la pace”.

L’intervista, realizzata da Stefania Falasca, dà poi ampio spazio all’attualità, soffermandosi soprattutto sull'approccio di Papa Francesco alle odierne crisi globali, come il terrorismo islamista, manifestazione di quella “guerra a pezzi” di cui ha ripetutamente parlato il pontefice. "Il Papa - spiega il cardinale - insiste sul rifiuto di parlare di una guerra di religione", perché questo è quello che vogliono i militanti dell’Isis: “Occorre evitare - sottolinea - di cadere nella loro trappola”. Rispondendo alle critiche all’approccio dialogico del Papa con il mondo musulmano, il Segretario di Stato ribadisce che non c’è alternativa al dialogo: “Criticare o respingere il dialogo tra le religioni come un idealismo ingenuo – afferma - mi sembra segno di un pessimismo esagerato ed è anche pericoloso”. Del resto - osserva - proprio “la semplicità e il coraggio con cui il Papa propone il primato del dialogo e dell’incontro ad aver destato in molti leader religiosi e politici il desiderio di entrare in contatto con lui e di conoscere meglio l’azione della Santa Sede e della Chiesa cattolica nel mondo”.

Poi, riferendosi alle martoriate comunità cristiane in Medio Oriente, il card. Parolin rileva che “il modo cristiano di aiutarli è, innanzitutto, quello di ricordarci di loro” e mostrare loro una “solidarietà concreta”. Solidarietà - aggiunge a proposito del dibattito sull’immigrazione – che va rivolta anche gli immigrati. Se infatti “è legittimo per un Paese prendere misure legali e giuridiche per tutelare la propria identità culturale legata al cristianesimo tali misure vanno informate allo spirito di amore e di misericordia nei confronti di ogni persona, a partire da quelle che hanno più bisogno, senza alcuna distinzione”.

L’ultima parte dell’intervista affronta infine la delicata questione del dialogo della Santa Sede con la Cina. “I contatti - afferma - continuano con spirito di buona volontà da entrambe le parti. Alla Santa Sede sta particolarmente a cuore che i cattolici cinesi possano vivere in modo positivo la loro appartenenza alla Chiesa e, nello stesso tempo, essere buoni cittadini e contribuire a rafforzare l’armonia dell’intera società cinese”. In Cina puntualizza infine il segretario di Stato, “non esistono due Chiese differenti, una fedele al Papa e l’altra sottomessa al Governo, ma due comunità entrambe desiderose di vivere di vivere in piena comunione con il Successore di Pietro”. Ed è questo l’auspicio della Santa Sede e di Papa Francesco: “vedere, in un futuro non lontano, queste due comunità riconciliarsi, accogliersi, donare e ricevere misericordia per un comune annuncio del Vangelo, che sia veramente credibile”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini
VERSO LE ELEZIONI

Centrodestra, i leader firmano il programma

Berlusconi, Salvini e Meloni sottoscrivono il documento a Palazzo Grazioli. L'ex premier: "Ampiamente condiviso"
Perris, la casa-prigione dei 13 ragazzi
IL CASO

California, i genitori aguzzini rischiano l'ergastolo

I due coniugi sono accusati di tortura. Rivelati dettagli inquietanti sulle condizioni di detenzione dei propri figli
Michele Gesualdi
FIRENZE

E' morto Michele Gesualdi, l'allievo di don Milani

Ex presidente della Provincia di Firenze, è stato un sostenitore della legge sul biotestamento. Aveva 74 anni
MILANO | INCIDENTE SUL LAVORO

Morto anche il quarto operaio intossicato

L'uomo, operaio della "Lamina", era ricoverato presso il "San Raffaele". Nella tragedia morto anche suo...
I danni causati dalla tempesta Friederike
MALTEMPO IN NORD EUROPA

Otto vittime
tra Olanda, Belgio
e Germania

Centinaia di migliaia di persone, dal Regno Unito alla Romania, sono senza elettricità
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni