MERCOLEDÌ 08 APRILE 2015, 12:49, IN TERRIS

IL SANTO PADRE RICORDA IL GRIDO DELL'INFANZIA SOFFERENTE

Nell’udienza del mercoledì Francesco biasima quanti si trincerano dietro “formule da difesa legale d’ufficio” per non sostenere minori e famiglie

MILENA CASTIGLI
IL SANTO PADRE RICORDA IL GRIDO DELL'INFANZIA SOFFERENTE
IL SANTO PADRE RICORDA IL GRIDO DELL'INFANZIA SOFFERENTE
“Ogni bambino abbandonato, emarginato, vittima di una qualche forma di violenza è un grido che sale a Dio”. Lo ha affermato Papa Francesco all’udienza generale di questa mattina in Piazza San Pietro, durante la quale ha parlato della “passione dei bambini” esortando famiglie e istituzioni a occuparsi con amore di loro.

Il Pontefice usa parole piene di sdegno per quanti puntano il dito sugli innocenti: “Qualcuno osa dire, quasi per giustificarsi, che è stato un errore farli venire al mondo. Questo è vergognoso! Non scarichiamo sui bambini le nostre colpe, per favore! I bambini non sono mai ‘un errore’. La loro fame – ha sostenuto Francesco – non è un errore, come non lo è la loro povertà, la loro fragilità, il loro abbandono … Semmai, questi sono motivi per amarli di più, con maggiore generosità. Che ne facciamo delle solenni dichiarazioni dei diritti dell’uomo dei diritti del bambino, se poi puniamo i bambini per gli errori degli adulti?”.

“Coloro che hanno il compito di governare, di educare, ma direi tutti gli adulti, siamo responsabili dei bambini e di fare ciascuno – ha proseguito il Papa – ciò che può per cambiare questa situazione. Mi riferisco alla passione dei bambini. Ogni bambino emarginato, abbandonato, che vive per strada mendicando e con ogni genere di espedienti, senza scuola, senza cure mediche, è un grido che sale a Dio e che accusa il sistema che noi adulti abbiamo costruito. E purtroppo questi bambini sono preda dei delinquenti, che li sfruttano per indegni traffici o commerci, o addestrandoli alla guerra e alla violenza”.

E tuttavia, ha sottolineato Francesco, nessuno di questi bambini è dimenticato dal Padre che è nei cieli! Nessuna delle loro lacrime va perduta!". Citando il noto passo evangelico “Lasciate che i bambini vengano a me”, il Papa ha evidenziato la bellezza di quelle mamme e papà che pongono la loro fiducia in Cristo anche nelle avversità. I genitori di bambini disabili o con difficoltà, inoltre, “Non dovrebbero essere lasciati soli!”, ma “Dovremmo accompagnare la loro fatica, e anche offrire loro momenti di gioia condivisa e di allegria spensierata, perché non siano presi solo dalla routine terapeutica”.

Il Papa ha poi redarguito quanti si nascondono dietro “formule da difesa legale d’ufficio” – quali “non possiamo farci niente” o “non siamo enti di beneficenza” – per non prendersi la responsabilità di aiutare mostrando indifferenza verso le esigenze del prossimo. I bambini, infatti pagano in prima persona le falle della società moderna: “Troppo spesso - spiega Bergoglio - ricadono sui piccoli gli effetti di vite logorate da un lavoro precario e malpagato, da orari insostenibili, da trasporti inefficienti” ma pagano anche “il prezzo di unioni immature e di separazioni irresponsabili; subiscono gli esiti della cultura dei diritti soggettivi esasperati, e ne diventano poi i figli più precoci. Spesso – prosegue - assorbono violenza che non sono in grado di ‘smaltire’, e sotto gli occhi dei grandi sono costretti ad assuefarsi al degrado”.

Il Pontefice ha concluso l’udienza rimarcando la “maternità” della Chiesa al servizio dei bambini e delle loro famiglie e ha ammonito: “E’ vero che non siamo perfetti e che facciamo molti errori. Ma quando si tratta dei bambini che vengono al mondo, nessun sacrificio degli adulti sarà giudicato troppo costoso o troppo grande, pur di evitare che un bambino pensi di essere uno sbaglio, di non valere niente e di essere abbandonato alle ferite della vita e alla prepotenza degli uomini”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano