SABATO 02 MAGGIO 2015, 16:53, IN TERRIS

IL SANTO PADRE: “MOBILITARSI CONTRO LA DISOCCUPAZIONE CRONICA”

Udienza alla diocesi di Isernia a 10 mesi dalla visita pastorale del Papa in terra molisana

STEFANO CICCHINI
IL SANTO PADRE: “MOBILITARSI CONTRO LA DISOCCUPAZIONE CRONICA”
IL SANTO PADRE: “MOBILITARSI CONTRO LA DISOCCUPAZIONE CRONICA”
“Quando le difficoltà sembrano offuscare le prospettive di un futuro migliore, quando si sperimenta il fallimento e il vuoto attorno a noi, è il momento della speranza cristiana, fondata nel Signore Risorto e accompagnata da un ampio sforzo caritativo verso il più bisognosi”. Sono le parole di Papa Francesco durante l’udienza in aula Paolo VI a 5mila pellegrini provenienti dalla diocesi di Isernia. L’incontro è avvenuto a 10 mesi dalla visita pastorale del Pontefice in terra molisana. Il successore di Pietro nel suo discorso si è soffermato sul “cronico problema della disoccupazione, che tocca soprattutto le nuove generazioni, che sempre più prendono la strada verso altri Paesi”.

Secondo il Pontefice è questo uno “scenario preoccupante” che richiedere “passi concreti per favorire l’aprirsi di nuovi posti di lavoro” e una “mobilitazione generale che unisca gli sforzi di popolazione, istituzioni, privati e diverse realtà civili”. Ha evidenziato, come sia importante fare di tutto per dare un’occupazione, soprattutto ai giovani, cercando di creare posti di lavoro, “anche piccoli”, di fare anche “poche cose” per creare opportunità lavorative. Il Santo Padre, indicando i “numerosi e gravi problemi che affliggono” il Molise ha parlato anche della “mancanza di servizi adeguati alle effettive necessità delle persone – in particolare anziani, ammalati e disabili – e delle famiglie”.

Durante l’udienza il vescovo di Roma ha scherzato con i presenti alludendo alla figura di Celestino V, il Papa del “gran rifiuto”, che abbandonò la città eterna per fare l’eremita in Molise. “Dal momento in cui sono entrato – ha detto – ho visto la vostra gioia, ma siete gioiosi voi, eh? Siete gioiosi. Adesso capisco un po’, un po’, perché papa Celestino non si trovava bene a Roma ed è tornato da voi, per la vostra gioia”. Nella prima mattinata il Papa ha presieduto il rito dell’Ultima Commendatio e della Valedictio subito dopo il funerale del cardinale Giovanni Canestri, arcivescovo emerito di Genova, deceduto il 29 aprile scorso all’età di 96 anni. La Messa era stata celebrata nella Basilica vaticana dal cardinale decano Angelo Sodano.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"