MARTEDÌ 30 GIUGNO 2015, 005:30, IN TERRIS

IL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PROMUOVE UNA CONSULTA FEMMINILE

Il Cardinal Ravasi: "Invitare le donne a dare con il loro sguardo personale un giudizio su tutte le attività del dicastero"

REDAZIONE
IL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PROMUOVE UNA CONSULTA FEMMINILE
IL PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA PROMUOVE UNA CONSULTA FEMMINILE
Il Pontificio Consiglio della Cultura ha promosso all'interno del proprio dicastero una Consulta permanente formata da sole donne. L'organismo si è riunito per la prima volta martedì scorso, ed è stato promosso dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Dicastero vaticano, al fine di ricevere pareri sui vari progetti in corso, ma anche idee e proposte per nuove iniziative e fornire aiuto per individuare priorità culturali, nell’ottica delle donne. La Consulta è composta da docenti universitarie e madri di famiglia, da diplomatiche e giornaliste, da attiviste nella politica e scienziate, da funzionarie e da religiose. Nella Consulta anche due donne lavoratrici in Vaticano: Micol Forti, direttrice della Collezione di Arte contemporanea dei Musei Vaticani, e Roberta Gisotti, giornalista della Radio Vaticana.

"Gli obiettivi sono sostanzialmente di due generi: da una parte ed è quello fondamentale invitare le donne a dare con il loro sguardo personale, con la loro interpretazione personale, un giudizio su tutte le attività del dicastero - ha detto Ravasi - Quindi non si tratta di una consulta decorativa. La seconda dimensione, che noi vogliamo raggiungere, è quella di avere, attraverso le donne, il suggerimento di inoltrarci in terre incognite, cioè in orizzonti… Perché noi siamo tutti maschi qui, non abbiamo un officiale che sia donna e le donne hanno soltanto funzioni di tipo amministrativo e di segreteria. Proprio per questo motivo, chiedere alle donne di indicarci anche dei percorsi che non abbiamo mai calpestato. Attualmente - ha continuato il cardinale commentando le componenti del gruppo - la totalità credo sia fatta di donne cattoliche. In verità, proprio il tema, che è emerso subito, è stato quello non soltanto della dimensione ecumenica, ma anche della dimensione interreligiosa. Ed io ho posto una terza dimensione: non solo i credenti, i diversamente credenti, ma anche i non credenti. Io ho intenzione, quindi, di introdurre anche delle donne che non abbiano nessuna fede religiosa esplicita".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni