VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2017, 19:14, IN TERRIS

Il Pontefice: "Si rischia la terza guerra mondiale per l'acqua"

Secondo il Papa "le cifre pubblicate dall'Onu non possono lasciarci indifferenti"

REDAZIONE
Il Pontefice:
Il Pontefice: "Si rischia la terza guerra mondiale per l'acqua"
"Mi chiedo se in questa terza guerra a pezzetti stiamo in cammino verso la grande guerra mondiale per l'acqua". Lo ha detto il Papa intervenendo oggi pomeriggio al seminario "Il diritto umano all'acqua - Uno studio interdisciplinare sul ruolo centrale delle politiche pubbliche nella gestione dell'acqua e dei servizi ambientali" promosso dalla Pontificia accademia delle scienze.

"Le cifre pubblicate dall’Onu - ha affermato il Pontefice - non possono lasciarci indifferenti: ogni giorno, mille bimbi muoiono a causa di infermità collegate all'acqua e l'acqua contaminata è consumata ogni giorno da milioni di persone. Si deve fermare e invertire questa situazione, per fortuna non è impossibile, però è urgente". Papa Francesco ha ricordato che l'acqua "è un diritto umano" e quando si nega questo diritto, quando uno stato o un gruppo di stati nega questo diritto, la cosa "colpisce tutti, e la casa comune soffre tanto".

Ha invitato a dare all'acqua "la centralità nella politica pubblica. Il nostro diritto all'acqua - ha aggiunto - è un dovere all'acqua, dal diritto nasce una obbligazione che va unita e non può separarsi: è ineludibile annunciare questo diritto umano fondamentale e annunciandolo assicurare un impegno politico e giuridico per l'acqua e ogni stato è chiamato a completarlo. Il Papa è intervenuto in apertura della sessione pomeridiana dal seminario, accolto dal cancelliere dell'Accademia, mons. Sanchez Sorondo. Il Pontefice si è seduto tra lui e il cardinale Claudio Hummes, entrambi grandi amici di Bergoglio.

"In una cultura dell'incontro - ha aggiunto il Papa - è imprescindibile l'azione degli Stati per garantire accesso ad acqua sicura e di qualità. Non dobbiamo abbandonare chi lavora a questo, Dio non ci abbandona, ma il lavoro è nostro, la responsabilità è nostra: che questo seminario - ha auspicato - sia occasione propizia, con la certezza che il vostro lavoro è necessario e prioritario perché altre persone possano vivere, è un ideale per il quale vale la pena lottare e lavorare. Stiamo contribuendo a che la nostra casa comune sia abitabile. Nessuno sia scartato e escluso, tutti possano vivere e crescere in dignità, soprattutto per i giovani".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Spiaggia sul Tevere
IL PROGETTO

Tevere, una spiaggia a Ponte Marconi

La sindaca Raggi lo annuncia in Campidoglio: "Lido entro l'estate 2018"
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Vladimir Putin
RUSSIA

Putin, un fiume in piena

Elezioni, economia e politica estera i temi affrontati in oltre 3 ore di conferenza stampa
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori