GIOVEDÌ 17 SETTEMBRE 2015, 16:52, IN TERRIS

IL PONTEFICE INCONTRA IL PREMIER DEL LUSSEMBURGO: RIFUGIATI IN PRIMO PIANO

L’udienza a Xavier Bettel, che in questo semestre ha la presidenza del Consiglio Europeo, è durata circa 20 minuti

STEFANO CICCHINI
IL PONTEFICE INCONTRA IL PREMIER DEL LUSSEMBURGO: RIFUGIATI IN PRIMO PIANO
IL PONTEFICE INCONTRA IL PREMIER DEL LUSSEMBURGO: RIFUGIATI IN PRIMO PIANO
“Alcune questioni di carattere europeo ed internazionale, con particolare riferimento ai conflitti in corso, alla questione migratoria e alla necessità di fornire assistenza ai profughi e rifugiati, come pure alla situazione delle minoranze religiose perseguitate”. Sono queste le tematiche affrontate da Papa Francesco e il primo ministro del granducato del Lussemburgo, Xavier Bettel, nel corso di un colloquio privato avvenuto nel Palazzo Apostolico Vaticano e durato circa venti minuti. L’udienza al premier Bettel, che in questo semestre ha la presidenza del Consiglio Europeo, è avvenuta alla presenza di un interprete. Durante i cordiali colloqui – ha informato una nota della Sala Stampa vaticana – si è ribadita la volontà di “consolidare le buone relazioni esistenti fra la Santa Sede ed il Granducato di Lussemburgo e di affrontare temi di comune interesse, con speciale attenzione ai rapporti tra la Chiesa e lo Stato, sottolineando la rilevanza della libertà religiosa e dei valori spirituali per la coesione sociale”.

Al momento delle foto e dello scambio dei doni, il primo ministro ha donato al Pontefice un quadro dipinto da una ragazza disabile e un libretto in spagnolo scritto da un religioso lussemburghese e intitolato “Come il Papa può curare i malati della curia”. “Sense of humour”, ha commentato il Santo Padre osservando la copertina. Il vescovo di Roma ha ricambiato i doni offrendo una medaglia della pace e una copia della enciclica “Laudato sì”, spiegando che si tratta di “un libro della pace… chiedo a tutti di lavorare per la pace e cerco di lavorare per la pace, nel testo parlo di evangelizzazione e di tematiche sociali”. Xavier Bettel successivamente ha incontrato il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, accompagnato da monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...