LUNEDÌ 01 GIUGNO 2015, 11:58, IN TERRIS

IL PONTEFICE: "E' DALLO SCARTO CHE DIO TIRA FUORI LA SALVEZZA"

Nella sua consueta omelia a Casa Santa Marta Francesco ha ricordato come la vita di Gesù rovesci la logica del fallimento

AUTORE OSPITE
IL PONTEFICE:
IL PONTEFICE: "E' DALLO SCARTO CHE DIO TIRA FUORI LA SALVEZZA"
"Dio costruisce sulla debolezza", con queste parole Papa Francesco ha iniziato la sua riflessione nell'omelia a Casa Santa Marta ispirandosi al vangelo che oggi la liturgia offre alla Chiesa. "Se uno legge le pagine della storia di amore fra Dio e il suo popolo – osserva il Santo Padre – sembra essere una storia di fallimenti". Nella parabola dei vignaioli omicidi si assiste all'apparente insuccesso del "sogno di Dio". C'è un padrone che costruisce una bella vigna e ci sono gli operai che uccidono chiunque sia l’inviato del padrone. Ma è proprio da quelle morti che tutto prende vita.

"I profeti, gli uomini di Dio che hanno parlato al popolo, che non sono stati ascoltati, che sono stati scartati, saranno la sua gloria. Il Figlio, l’ultimo inviato, che è stato scartato, giudicato, non ascoltato e ucciso, è diventato la pietra d’angolo. Questa storia, che incomincia con un sogno d’amore ma poi sembra finire in una storia di fallimenti, finisce con il grande amore di Dio, che dallo scarto tira fuori la salvezza; dal suo Figlio scartato, ci salva a tutti".

E' in questo modo che la logica del fallimento si rovescia e Gesù lo vuole ricordare ai capi del popolo citando un passo della Scrittura: "La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo. Questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi".

Così anche Francesco spiega ai fedeli che la via della redenzione è fatta di fallimenti: "Non dobbiamo dimenticare questa strada che è difficile. Anche la nostra! Se ognuno di noi fa un esame di coscienza, vedrà quante volte ha cacciato via i profeti. Quante volte ha detto a Gesù: 'Vattene', quante volte ha voluto salvare se stesso, quante volte abbiamo pensato che noi eravamo i giusti". Così a conclusione della sua omelia Francesco ha esortato i fedeli a ricordare che è nella morte in croce del Figlio che si manifesta "l’amore di Dio col suo popolo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato