MARTEDÌ 09 GIUGNO 2015, 15:15, IN TERRIS

IL PONTEFICE CONTRO I VEGGENTI: "NON E' IDENTITA' CRISTIANA"

L'affondo di Francesco nell'Omelia di Santa Marta: "Dove sono quelli che ci dicono oggi la lettera che la Madonna manderà alle 4 del pomeriggio?"

DANIELE VICE
IL PONTEFICE CONTRO I VEGGENTI:
IL PONTEFICE CONTRO I VEGGENTI: "NON E' IDENTITA' CRISTIANA"
"Ma dove sono i veggenti che ci dicono oggi la lettera che la Madonna manderà alle 4 del pomeriggio? E vivono di questo. Questa non è identità cristiana. L'ultima parola di Dio si chiama Gesù e niente di più". L'affondo di Papa Francesco nei confronti di chi afferma di parlare a nome della Madre di Dio arriva durante l'Omelia di Santa Marta. Nelle parole del Pontefice non c'è alcun riferimento specifico a Medjugorje, ma il fatto che arrivino a pochi giorni dal viaggio in Bosnia, non sembra un caso. Fra l'altro Bergoglio, dopo la visita a Sarajevo, ha annunciato che al più presto prenderà una decisione sulle presunte apparizioni della Vergine Maria nella località slava basandosi sul "buon lavoro" svolto a proposito dalla commissione convocata a suo tempo da Benedetto XVI.

Nel suo commento alle scritture Francesco ha aspramente criticato quelli "che sempre hanno bisogno di novità dell'identità cristiana" e hanno "dimenticato che sono stati scelti, unti, che hanno la garanzia dello Spirito". Partendo dalle parole di San Paolo ai Corinzi ha spiegato che "per arrivare a questa identità cristiana Dio ci ha fatto fare un lungo cammino di storia" fino a quando inviò suo Figlio. "Anche noi - ha soggiunto - dobbiamo fare nella nostra vita un lungo cammino, perché questa identità cristiana sia forte" così da poterne dare "testimonianza". "E` un cammino - ha ripreso - che possiamo definire dalla ambiguità alla vera identità". E` vero, ha proseguito, "c`è il peccato, e il peccato ci fa cadere, ma noi abbiamo la forza del Signore per alzarci e andare con la nostra identità. Ma io direi anche che il peccato è parte della nostra identità: siamo peccatori, ma peccatori con la fede in Gesù Cristo. E non è soltanto una fede di conoscenza, no. E` una fede che è un dono di Dio e che è entrata in noi da Dio. E` Dio stesso che ci conferma in Cristo. E ci ha conferito l`unzione, ci ha impresso il sigillo, ci ha dato la caparra, il pegno dello Spirito nei nostri cuori. E` Dio che ci dà questo dono dell`identità".

Fondamentale, ha aggiunto Papa Francesco, "è essere fedele a quest`identità cristiana e lasciare che lo Spirito Santo, che è proprio la garanzia, il pegno nel nostro cuore, ci porti avanti nella vita". Non siamo persone che vanno "dietro ad una filosofia", ha avvertito, "siamo unti" e abbiamo la "garanzia dello Spirito". L`identità cristiana è concreta, non una religione soft. "E` un'identità bella - ha detto ancora - che si fa vedere nella testimonianza. Per questo Gesù ci parla della testimonianza come il linguaggio della nostra identità cristiana". E questo anche se l`identità cristiana, giacché "siamo peccatori, è tentata, viene tentata; le tentazioni vengono sempre" e l'identità "può indebolirsi e può perdersi". Il Papa mette in guardia da due vie pericolose: "Prima quella del passare dalla testimonianza alle idee, annacquare la testimonianza. `Eh sì, sono cristiano. Il cristianesimo è questo, una bella idea. Io prego Dio`. E così, dal Cristo concreto, perché l'identità cristiana è concreta - lo leggiamo nelle Beatitudini; questa concretezza è anche in Matteo 25: l'identità cristiana è concreta - passiamo a questa religione un po' soft, sull'aria e sulla strada degli gnostici. Dietro c`è lo scandalo. Questa identità cristiana è scandalosa. E la tentazione è: `No, no, senza scandalo`".

"La croce - ha detto il Papa - è uno scandalo" e quindi c`è chi cerca Dio "con queste spiritualità cristiane un po' eteree", gli "gnostici moderni". Un`altra strada per fare passi indietro nell`identità cristiana, ha aggiunto, è la mondanità: "Allargare tanto la coscienza che lì c`entra tutto. 'Sì, noi siamo cristiani, ma questo sì...' Non solo moralmente, ma anche umanamente. La mondanità è umana. E così il sale perde il sapore. E vediamo comunità cristiane, anche cristiani, che si dicono cristiani, ma non possono e non sanno dare testimonianza di Gesù Cristo. E così la identità va indietro, indietro e si perde, e questo nominalismo mondano che noi vediamo tutti i giorni. Nella storia di salvezza Dio, con la sua pazienza di Padre, ci ha portato dall`ambiguità alla certezza, alla concretezza dell`incarnazione e la morte redentrice del suo Figlio. Questa è la nostra identità".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma