GIOVEDÌ 11 GIUGNO 2015, 21:00, IN TERRIS

IL PONTEFICE AI DELEGATI DELLA FAO: "DEBELLIAMO LA FAME NEL MONDO"

Il Santo Padre ha ribadito che non basta solo fare il punto della situazione, ma occorre agire

AUTORE OSPITE
IL PONTEFICE AI DELEGATI DELLA FAO:
IL PONTEFICE AI DELEGATI DELLA FAO: "DEBELLIAMO LA FAME NEL MONDO"
All'indomani dell'annuncio del titolo della nuova enciclica sull'ambiente, dal titolo "Laudato sì", Papa Francesco ha ricevuto in udienza, in Vaticano, i delegati della Fao - l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura - ai quali ha chiesto, come imperativo assoluto, di "debellare la fame nel mondo".

Ricordando che nel novembre del 2014 la seconda conferenza internazionale sulla nutrizione ha "impegnato gli Stati a trovare soluzioni e risorse", il Pontefice ha chiesto che "quella decisione non resti solo sulla carta o nelle intenzioni che hanno guidato il negoziato, ma prevalga decisamente la responsabilità di rispondere in concreto agli affamati e a tutti coloro che attendono dallo sviluppo agricolo una risposta alla loro condizione".

"In questo tempo di crisi, vediamo ovunque crescere il numero di chi con fatica accede a pasti regolari e sani. Ma invece di agire preferiamo delegare, a tutti i livelli. E pensiamo: ci sarà qualcuno che se ne occuperà, magari un altro Paese, o quel Governo, quella Organizzazione internazionale. - ha osservato il Pontefice - La nostra tendenza a 'disertare' di fronte a temi difficili è umana, un atteggiamento che spesso amiamo prediligere; anche se poi non manchiamo ad una riunione, ad una conferenza, o alla redazione di un documento. Dobbiamo invece rispondere all'imperativo che l'accesso al cibo necessario è un diritto di tutti. E i diritti non consentono esclusioni!".

Per Francesco, "non basta fare il punto sulla nutrizione nel mondo, anche se aggiornare i dati è necessario, perché ci mostra la dura realtà. Può certo consolarci sapere che quel miliardo e 200 milioni di affamati del 1992 si è ridotto, anche con una popolazione mondiale in crescita. Serve a poco, però, prendere atto dei numeri o anche progettare una serie di impegni concreti e di raccomandazioni da applicare alle politiche e agli investimenti, se tralasciamo l'obbligo di debellare la fame e prevenire qualsiasi forma di malnutrizione, in tutto il mondo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano