GIOVEDÌ 04 MAGGIO 2017, 11:48, IN TERRIS

Il Patriarca siro ortodosso perdona i Vescovi che lo accusavano di “tradire la fede”

Una delle accuse c'era quello di aver riservato pubblicamente gesti di riverenza nei confronti del Corano

MILENA CASTIGLI
Il Patriarca siro ortodosso perdona i Vescovi che lo accusavano di “tradire la fede”
Il Patriarca siro ortodosso perdona i Vescovi che lo accusavano di “tradire la fede”
Il Primate della Chiesa siro-ortodossa, Patriarca Mor Ignatius Aphrem II, ha perdonato quattro dei sei Vescovi Metropoliti della Chiesa siriana che nel febbraio scorso lo avevano accusato di mancanze a carattere dottrinale.

Le accuse


Nello specifico, i sei Metropoliti l’8 febbraio scorso avevano diffuso una dichiarazione in cui sostenevano che il Primate non meritava più il titolo di "defensor fidei" poiché aveva seminato dubbi nel cuore dei credenti con dichiarazioni e gesti "contrari agli insegnamenti di Gesù Cristo, secondo il suo Santo Vangelo". Tra i gesti imputati al Patriarca come "tradimento della fede" - riporta l'organo di informazione delle Pontificie Opere Missionarie - c'era anche quello di aver riservato pubblicamente gesti di riverenza nei confronti del Corano, il testo sacro della dell'Islam.

Il ritorno in comunione


Nell'atto patriarcale, manifestato attraverso una dichiarazione del Patriarcato di Antiochia dei siro-ortodossi e pervenuto all'Agenzia Fides, il Patriarca riafferma il suo ruolo di “Successore di Pietro” e di custode dell'unità della Chiesa siro-ortodossa, riferendo di aver ricevuto nei giorni scorsi la lettera in cui i quattro Metropoliti perdonati porgevano le proprie scuse al Patriarca per le affermazioni e i giudizi offensivi che gli avevano riservato.

Gli altri due Vescovi Metropoliti - Severius Hazail Soumi, Vicario patriarcale in Belgio e Francia, e Eustatius Matta Roham, un tempo alla guida dell'arcieparchia siriana di Jazirah e dell'Eufrate - sono stati sospesi a divinis dal Sinodo dei Vescovi siro ortodossi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Alessio Cerci in azione
SERIE A

Okwonkwo-Donsah rimontano il Verona: il Bologna respira

Il monday-night va ai felsinei: scaligeri avanti due volte ma rimontati e superati. E' il quinto k.o. di fila
Cateno De Luca
SICILIA

Domiciliari revocati a Cateno De Luca

Per il deputato regionale resta il divieto a ricoprire ruoli apicali negli enti coinvolti nell'inchiesta
Jana Novotna con il trofeo vinto a Wimbledon, nel 1998
TENNIS

Addio a Jana Novotna, la regina del doppio

La tennista ceca si è arresa al canrco a 49 anni. In carriera una vittoria a Wimbledon nel singolo, nel 1998
Domenica Rita Adriana Bertè (Mimì) alias Mia Martini
TRIBUTO

Mantova ricorda Mia Martini: quest'anno avrebbe compiuto 70 anni

La direzione artistica è affidata a Mimmo Cavallo
Carlo Tavecchio
FEDERCALCIO

Tavecchio, sfogo d'addio: "Pago la scelta di Ventura"

Passo indietro del presidente della Figc dopo il flop mondiale: "Se quel palo fosse entrato sarei un eroe"
Il pianeta gassoso Giove
SISTEMA SOLARE

L'acqua terrestre viene da Giove

Ridimensionata la teoria secondo la quale proverrebbe da asteroidi e comete
L'on. Franceschini all'inaugurazione di
MOSTRA

Napoli: al via "Pompei@Madre. Materia Archeologica"

Franceschini: "Inaugurata la mostra più importante dell'anno in Italia"
Sebastian Pinera
CILE

Presidenziali: a Pinera il primo turno

Nel ballottaggio del 17 dicembre sarà sfida con il candidato di centrosinistra Guillier