VENERDÌ 09 GIUGNO 2017, 19:17, IN TERRIS

Il Papa mette in guardia da un'educazione elitaria

A Trastevere per inaugurare la sede vaticana di Scholas Occurrentes: "La cultura dello scarto ci rende stracci"

ANDREA ACALI
Il Papa mette in guardia da un'educazione elitaria
Il Papa mette in guardia da un'educazione elitaria
Si è tenuto a Roma, nel Palazzo San Calisto, l'inaugurazione della  della sede di Scholas Occurrentes nella Città del Vaticano. La Fondazione è un'organizzazione internazionale di diritto pontificio eretta e creata da Papa Francesco il 13 agosto 2013. È presente in 190 Paesi con una rete che comprende 446.133 scuole e reti educative di tutte le confessioni religiose e laiche, sia pubbliche sia private. Il suo obiettivo fondamentale è la promozione della cultura dell’incontro per la pace attraverso l’educazione e attraverso anche la tecnologia, l’arte e lo sport. Scholas, il più grande movimento studentesco a livello mondiale, ha preso il via 20 anni fa in Argentina, quando Jorge Mario Bergoglio era Arcivescovo della Città di Buenos Aires. All'inaugurazione erano presenti, tra gli altri, il dg della Roma Baldissoni e il giallorosso Alessandro Florenzi.

I rischi di una scuola elitaria


"Un pericolo molto grande è l'elitizzazione dell'educazione. Ogni volta viene tagliato il budget per l'istruzione. Si taglia e così si crea una élite che lascia fuori alcuni dalla possibilità di avere accesso all'educazione". Lo ha denunciato il Papa nell'incontro a Trastevere, alla presenza del ministro dell'istruzione Valeria Fedeli e in collegamento con i ministri omologhi di Paraguay e Colombia. "Nel mondo - ha aggiunto Francesco - la globalizzazione è un fenomeno positivo, ma c'è pericolo che sia concepita come una palla da biliardo, una sfera. O ti conformi al sistema o non esisti. Anche le popolazioni subiscono questo diktat. Ma la vera globalizzazione è un poliedro. Questa è la sfida di Scholas".

"Tutti hanno un senso"


All'inizio della cerimonia, condotta da Lorena Bianchetti, è stato trasmesso un breve brano del film "Gelsomina" di Federico Fellini, nel quale il "matto" diceva a Giulietta Masina: "Tutto quanto c'è in questo mondo serve a qualcosa. Anche questo sassolino. Non lo so a cosa serve, ma a qualcosa certo servirà, perché se è inutile allora è tutto inutile, anche le stelle". E il Papa si è riferito a questo dialogo affermando che "questo sassolino che siamo ciascuno ha senso. Ognuno ha un senso. Tutti avete un sassolino, lo dico ma non voglio sembrare il matto del film di Fellini - ha scherzato - Questo è un fatto importante: anche tu hai un senso, nonostante la tua 'testa di carciofo'. Il senso - ha aggiunto il Papa - è darmi al prossimo, ascoltando e non aggredendo. Si può dare qualcosa in modo aggressivo. Avviene in questa società abituata a escludere, selezionare, aggredire, misconoscere. Noi vogliamo includere, dare una mano".

I tre linguaggi


"A volte - ha rilevato Papa Francesco - compiamo scelte sbagliate, allora la nostra mano si chiude e lo stesso succede con la mente e il cuore. E non siamo in grado di costruire con gli altri. Ma l'esperienza dei tre linguaggi, quello del cuore, quello della mente, e quello della mano, ci mostra che è possibile. Pensate ciò che sentite e quello che fate. Serve l'unità all'interno".

No al bullismo


"Nessuna persona è un no. Tutti sono un sì, tutte le persone hanno un significato, un valore. La cultura dello scarto ci rende stracci" ha proseguito il Pontefice rispondendo a un ragazzo italiano, Pasquale, che gli ha presentato il progetto contro il bullismo realizzato da Scholas a Roma con la collaborazione del MIUR. "No al bullismo!" ha esclamato il Papa, lodando "il lavoro che avete condotto" e ringraziando il ministro Fedeli. "Le autorità - ha detto il S. Padre - stanno imparando da voi. Anch'io sto imparando. Tuttavia bisogna confrontarsi e essere disponibili. Noi più grandi dobbiamo guardare al vostro esempio di inclusione. Se vi fate escludere, noi ci pensioniamo dall'esistenza". Tornando infine sulla "cultura dello scarto", Francesco ha ricordato che "si può vivere senza crescere, essere scartati. Ma voi volete che quel bambino, quella ragazza, nessuno viva scartato. A tutti spetta scoprire quel senso da condividere con gli altri. Se non condividiamo, ha aggiunto, "rischiamo di vivere come in un museo e non credo sia vostra intenzione finire in un museo". "Voglio ringraziare - ha concluso - questi matti che hanno iniziato tutto questo lontano da qui".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano