DOMENICA 09 LUGLIO 2017, 13:25, IN TERRIS

Il Papa all'Angelus: "Nei momenti bui della vita non familiarizzare con la tristezza"

In piazza San Pietro il monito del Pontefice: "Non raggiungere mete illusorie, esse sono 'fuochi d'artificio', solo Gesù toglie l'angoscia dai cuori"

FABIO BERETTA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il Papa all'Angelus:
Il Papa all'Angelus: "Nei momenti bui della vita non familiarizzare con la tristezza"
La vita è difficile, e "nei momenti bui viene naturale stare con sé stessi", rimuginare su quanto essa sia ingiusta, ma "non dobbiamo familiarizzare con la tristezza", non dobbiamo rifugiarci verso mete illusorie che, come "un fuoco d'artificio", ci danno luce per poco tempo prima di farci ripiombare nel buio. In questi momenti, "non dimentichiamoci di Gesù, di aprirci a Lui e di raccontargli la vita, di affidargli le persone e le situazioni". Sono le parole di Papa Francesco, pronunciate durante la preghiera dell'Angelus. Il Pontefice, affacciandosi dalla finestra dello studio nel Palazzo Apostolico in una piazza San Pietro assolata e afosa, invita tutti i fedeli a raccogliere l'invito che Gesù fa nel Vangelo: "Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro".

Stanchi e oppressi dalla vita


L'invito che fa Cristo nel Vangelo di Matteo, fa notare il Papa, è rivolta a "tutti coloro che sono stanchi e oppressi dalla vita. E chi può sentirsi escluso da questo invito?". Gesù è consapevole di "quanto la vita può essere pesante" e delle molte cose che "affaticano il cuore: delusioni e ferite del passato, pesi da portare e torti da sopportare nel presente, incertezze e preoccupazioni per il futuro". Davanti a tutto questo, prosegue Bergoglio, la prima parola di Gesù "è un invito a muoversi e reagire: 'Venite'". In effetti, sottolinea il Pontefice, "quando le cose vanno male" il nostro sbaglio "è restare dove si è". E' difficile "reagire e aprirsi", aggiunge, perché "nei momenti bui viene naturale stare con sé stessi, rimuginare su quanto è ingiusta la vita, su quanto sono ingrati gli altri e com’è cattivo il mondo". In questa prospettiva, tutto ci appare nero a tal punto da "familiarizzare con la tristezza". Al contrario, Gesù "vuole tirarci fuori da queste 'sabbie mobili'". La soluzione? Per il Papa è "nella relazione, nel tendere la mano e nell’alzare lo sguardo verso chi ci ama davvero".

No alle mete illusorie


Non basta uscire da sé, evidenzia il Santo Padre, è necessario "sapere dove andare". Il nostro mondo è pieno di "mete sono illusorie" che "promettono ristoro e distraggono solo un poco, assicurano pace e danno divertimento, lasciando poi nella solitudine di prima". Esse sono “fuochi d’artificio” che brillano per poco tempo. Poi aggiunge: "Di fronte a un peso della vita o a una situazione che ci addolora, proviamo a parlarne con qualcuno che ci ascolti, con un amico, con un esperto". Questo è un bene, ma poi esorta: "Non dimentichiamo Gesù", "di aprirci a Lui e di raccontargli la vita, di affidargli le persone e le situazioni. Oggi Egli dice a ciascuno: 'Coraggio, non arrenderti ai pesi della vita, non chiuderti di fronte alle paure e ai peccati, ma vieni a me!'".

Gesù ci toglie l'angoscia dal cuore


Il Papa ricorda che Gesù ci aspetta "sempre, non per risolverci magicamente i problemi, ma per renderci forti nei nostri problemi". Egli "non ci leva i pesi dalla vita, ma l’angoscia dal cuore; non ci toglie la croce, ma la porta con noi". Accanto a lui, "ogni peso diventa leggero, perché Lui è il ristoro che cerchiamo". Quando nella nostra vita entra Gesù, "arriva la pace, quella che rimane anche nelle prove, 'nelle sofferenze'". Quindi esorta: "Andiamo a Gesù, diamogli il nostro tempo, incontriamolo ogni giorno nella preghiera, in un dialogo fiducioso e personale", "familiarizziamo con la sua Parola, riscopriamo senza paura il suo perdono, sfamiamoci del suo Pane di vita". In questo modo "ci sentiremo amati e consolati da Lui". E Gesù stesso che insiste nel chiedercelo, e lo ripete ancora alla fine del Vangelo di oggi: "Imparate da me […] e troverete ristoro per la vostra vita". "Impariamo ad andare da Gesù e, mentre nei mesi estivi cercheremo un po’ di riposo da ciò che affatica il corpo - conclude il Papa -, non dimentichiamo di trovare il ristoro vero nel Signore".

I saluti


Nel salutare i romani e i pellegrini che affollano la piazza, Papa Francesco scherza: "Siete coraggiosi voi, con questo sole e questo caldo in piazza, bravi". Ricorda anche il pellegrinaggio della "famiglia polacca di Radio Maria al Santuario di Częstochowa", e invita i presenti ad accompagnarla con un'Ave Maria. Il pensiero del Pontefice va anche ai i fedeli polacchi venuti in bicicletta da Chełm, arcidiocesi di Lublino. Non dimentica le Suore Ancelle della Beata Vergine Immacolata, benedicendo i lavori del loro Capitolo Generale, che inizia oggi; "come pure i sacerdoti di diversi Paesi partecipanti al corso per formatori di seminario organizzato dall’Istituto Sacerdos di Roma". Un saluto particolare va ai ragazzi del Coro “Puzangalan” (che significa “speranza”) di Taiwan, e al Coro Alpino di Palazzolo sull’Oglio. In fine, il suo tradizionale saluto: "Auguro a tutti una buona domenica. Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Epicentro del sisma a Santa Vittoria in Matenano
MARCHE

La terra trema ancora: scossa di magnitudo 3.1

Il sisma alle 6.25 con epicentro vicino Fermo. Venti minuti prima un'altra scossa, più lieve, nel Maceratese
Una volante dell'Arma
ROMA

Cassino, bimbo strangolato: fermato anche il padre

Per chi indaga il piccolo Gabriel sarebbe stato ucciso dai genitori perché stava piangendo
Trolley
PASQUA

Italiani in partenza: ecco per dove

Secondo Federalberghi si muoveranno oltre 21 milioni di persone per le festività
Giovanni Bellini,

La nostra religiosità

Le celebrazioni del Venerdì santo, danno la misura di quanto il cristianesimo sia un tutt’uno con il popolo, la sua...
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Il Santo Padre durante la Via Crucis al Colosseo - Foto © Vatican Media
VENERDÌ SANTO

Via Crucis, il Papa contro i cuori blindati per calcoli politici

Immigrazione, derisione per l'annuncio della fede, sfruttamento del corpo: il Pontefice prega per i calvari della nostra...