SABATO 29 SETTEMBRE 2018, 12:54, IN TERRIS


UDIENZA

Il Papa alla Polizia: "Vicini agli ultimi, come genitori"

Il Santo Padre incontra i rappresentanti dell'Anps: "Senza legalità e sicurezza non c'è il bene comune

REDAZIONE
Il Papa con i rappresentanti della Polizia di Stato - Foto © Vatican Media
Il Papa con i rappresentanti della Polizia di Stato - Foto © Vatican Media
"U

na famiglia aperta a tutti coloro che vogliano impegnarsi per il bene comune a partire dai vostri principi". È attraverso l'immagine della famiglia che il Santo Padre Francesco identifica l'Associazione nazionale della Polizia di Stato, i cui rappresentanti sono stati ricevuti in udienza nell'Aula Paolo VI: "È molto significativo che della vostra Associazione possano far parte anche comuni cittadini che, pur non essendo né essendo stati membri della Polizia, ne assumono i valori e l’impegno. Costituite così come una grande famiglia... una famiglia che vorrebbe coinvolgere e accogliere ogni cittadino, per diffondere una cultura della legalità, del rispetto e della sicurezza".


Proteggere i deboli

E proseguendo sulla linea dei principi familiari, Papa Francesco ha spiegato che "senza questi fondamenti, nessun contesto sociale può conseguire il bene comune, ma diventerà presto o tardi un groviglio di interessi personali, slegati l’uno dall’altro, anzi contrapposti. Il bene di una società, infatti, non è dato dal benessere della maggioranza, o dal rispetto dei diritti di 'quasi tutti'". Piuttosto, "esso è dato dal bene della collettività quale insieme di persone, così che, finché qualcuno soffre, 'tutte le membra soffrono con lui'". Il Santo Padre ricorda l'importanza della legalità e della sicurezza poiché, quando tali principi vengono a mancare, "sempre sono i più deboli i primi a essere danneggiati, perché hanno meno mezzi per difendersi e provvedere a sé stessi. Ogni ingiustizia infatti colpisce anzitutto i più poveri, e tutti coloro che in vario modo possono dirsi 'ultimi'", laddove ultimi significa "coloro che lasciano la loro terra a causa della guerra e della miseria, e devono ripartire da zero in un contesto del tutto nuovo... coloro che hanno perso la casa e il lavoro, e faticano a mantenere la loro famiglia... che vivono emarginati e ammalati, o sono vittime di ingiustizie e soprusi".


Come un genitore

Ed è proprio agli ultimi che le Forze di Polizia "si fanno prossime" nel momento in cui cercano di "prevenire il crimine", adoperandosi "nel contrasto al bullismo e alle truffe; quando mettete a disposizione il vostro tempo e le vostre energie nella formazione dei giovani e nella vigilanza presso le scuole, nella tutela del territorio e del patrimonio artistico; nell’organizzazione di convegni e nella formazione a una cittadinanza più attiva e consapevole". Tanti ambiti raggiunti, tali da essere motivo di speranza e soddisfazione non solo "per l’attenzione a un singolo aspetto del vivere civile, ma per la sollecitudine per le persone, che raggiungete in ogni situazione di bisogno o nelle insidie in cui possano trovarsi, come fa un buon genitore". Un impegno costante di condivisione e solidarietà "che rappresenta la sintesi dei vostri stessi ideali".


La carità che cambia il mondo

Ai rappresentanti della Polizia, Papa Francesco, capaci in ogni circostanza di opporsi "a tutto ciò che ferisce e distrugge l'uomo", ha ricordato come "l’immissione dei valori della solidarietà e della pace, che trovano nella Persona e nel messaggio di Gesù il loro vertice, siano stati capaci, e lo siano ancora oggi, di rinnovare le relazioni interpersonali e sociali. E' proprio ciò che auspichiamo per il nostro tempo, sapendo che quando mettiamo in pratica la carità, essa cambia il mondo e la storia, anche se non ci accorgiamo subito dei suoi effetti".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BULGARIA

Incendio in una fabbrica di munizioni: ci sono feriti

Un incidente simile si è verificato anche lo scorso 14 marzo: due dipendenti sono morti
L'ingresso del consolato saudita a Istanbul
GIALLO KHASHOGGI

Stop alle comunicazioni tra investigatori turchi e sauditi

La gestione delle interlocuzioni viene presa in carico direttamente da Ankara
GIORNATA MONDIALE DEL RIFIUTO DELLA MISERIA

Caritas: in Italia un esercito di poveri in attesa

Don Soddu: "Restituire dignità alle persone può migliorare il Paese"
Detenuti a Guantanamo
USA

Altri 25 anni di Guantanamo

Il Pentagono: "Il programma va avanti". Restano, però, i sospetti di tortura
Mimmo Lucano
IL CASO

Lucano ha lasciato Riace

Ieri il Tribunale del riesame ha disposto il divieto di dimora per il sindaco calabrese
Asino che raglia

Ragli e tagli

Dopo la Camera dei Deputati, via libera anche al Senato per il taglio dei cosiddetti vitalizi....