DOMENICA 31 MARZO 2019, 13:10, IN TERRIS

VIAGGIO APOSTOLICO IN MAROCCO

Il Papa ai religiosi: "Essere cristiano è un incontro"

Il Santo Padre alla Cattedrale di Rabat: "La vita si gioca con le capacità che abbiamo di 'lievitare' lì dove ci troviamo"

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco durante il discorso nella Cattedrale di Rabat - Foto © Vatican Media
Papa Francesco durante il discorso nella Cattedrale di Rabat - Foto © Vatican Media
"V

iva il Papa": lo gridano dall'interno della Cattedrale di Rabat al termine della recita dell'Angelus e di un discorso, quello pronunciato al clero, ai religiosi e Religiose e al Consiglio Ecumenico delle Chiese del Marocco, durante il quale ha ribadito l'imprescindibilità di un dialogo continuo e costante, intriso di speranza e impegno perpetuo. Papa Francesco, accolto da alcuni membri del Centre Rural des Services Sociaux di Témara e da due bambini, non ha mancato di riconoscere "la comunione vissuta qui in Marocco tra cristiani di diverse confessioni, sulla via dell’unità", ricordando che "i cristiani sono un piccolo numero in questo Paese" ma, al tempo stesso, che questo "non risulta un problema... anche se riconosco che a volte può diventare difficile da vivere per alcuni". Una situazione che potrebbe indurre a chiederci a cosa si possa paragonare un cristiano in queste terre: "E' simile a un po’ di lievito che la madre Chiesa vuole mescolare con una grande quantità di farina, fino a che tutta la massa fermenti".


Essere lievito

E' per compiere una missione che Gesù ci ha chiamati, spargendoci come un pizzico di lievito nella società affinché possa crescere: "La nostra missione di battezzati, di sacerdoti, di consacrati, non è determinata particolarmente dal numero o dalla quantità di spazi che si occupano, ma dalla capacità che si ha di generare e suscitare cambiamento, stupore e compassione". Non si tratta di generare proseliti ma di costruire una via della missione "attraverso il nostro modo di essere con Gesù e con gli altri. Quindi il problema non è essere poco numerosi, ma essere insignificanti, diventare un sale che non ha più il sapore del Vangelo, o una luce che non illumina più niente". Non è quindi l'essere "massa" che porta a essere significativi, né "l'occupare gli spazi": "La vita si gioca con le capacità che abbiamo di 'lievitare' lì dove ci troviamo e con chi ci troviamo... Essere cristiano non è aderire a una dottrina, né a un tempio, né a un gruppo etnico. Essere cristiano è un incontro".


Il dialogo

Ricordando le parole del santo Paolo VI, "la Chiesa deve venire a dialogo col mondo in cui si trova a vivere. La Chiesa si fa parola; la Chiesa si fa messaggio; la Chiesa si fa colloquio". Ecco perché "affermare che la Chiesa deve entrare in dialogo non dipende da una moda, tanto meno da una strategia per aumentare il numero dei suoi membri... E' per fedeltà al suo Signore e Maestro che, fin dall’inizio, mosso dall’amore, ha voluto entrare in dialogo come amico e invitarci a partecipare della sua amicizia". Il cristiano di queste terre, ha detto ancora il Santo Padre, "impara ad essere sacramento vivo del dialogo che Dio vuole intavolare con ciascun uomo e donna, in qualunque condizione viva... Un dialogo che, pertanto, siamo invitati a realizzare alla maniera di Gesù, mite e umile di cuore, con un amore fervente e disinteressato, senza calcoli e senza limiti, nel rispetto della libertà delle persone. In questo spirito, troviamo dei fratelli maggiori che ci mostrano la via, perché con la loro vita hanno testimoniato che questo è possibile".


La preghiera del missionario

Un dialogo non solo possibile ma che ha precedenti storici: dall'incontro di san Francesco d'Assisi, in piena crociata, con il sultano al-Malik al-Kamil ma anche la vita umile del beato Charles de Foucault, "fratello universale" nel silenzio. "Quando la Chiesa, fedele alla missione ricevuta dal Signore, entra in dialogo con il mondo e si fa colloquio, essa partecipa all’avvento della fraternità". Un dialogo di salvezza, la forza dello Spirito mantenuta viva attraverso una preghiera d'intercessione del missionario. Ed è qui che il dialogo diventa preghiera, "in nome di questa fratellanza lacerata dalle politiche di integralismo e divisione e dai sistemi di guadagno smodato e dalle tendenze ideologiche odiose, che manipolano le azioni e i destini degli uomini". Una preghiera che "non distingue, non separa e non emargina, ma che si fa eco della vita del prossimo" e che riesce a far dire al Padre "venga il tuo regno" allontanando il morbo della violenza, dell'odio, della supremazia etnica, religiosa, economica", lasciando il posto "alla compassione riversata sulla Croce per tutti gli uomini".


I chiamati

L'invito del Santo Padre ai religiosi e al clero del Marocco è a "farvi prossimi di coloro che sono spesso lasciati indietro, dei piccoli e dei poveri, dei prigionieri e dei migranti". Che la loro azione possa essere "anche una via di dialogo e di cooperazione con i nostri fratelli e sorelle musulmani e con tutte le persone di buona volontà. È la carità, specialmente verso i più deboli, la migliore opportunità che abbiamo per continuare a lavorare in favore di una cultura dell’incontro". Essere testimoni "di una storia che è gloriosa perché è storia di sacrifici, di speranza, di lotta quotidiana, di vita consumata nel servizio, di costanza nel lavoro faticoso, perché ogni lavoro è sudore della fronte": questo l'incoraggiamento di Papa Francesco a coloro che sono stati chiamati " come credenti che sanno che il Signore sempre ci precede e apre spazi di speranza dove qualcosa o qualcuno sembrava perduto".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ArcelorMittal
IL CASO

Ex Ilva, Conte boccia il piano Mittal

Il premier respinge il programma anti-esuberi presentato dal gruppo franco-indiano
L'esterno della villetta dov'è avvenuto l'incidente
VALSAMOGGIA

Sente rumori in casa, spara e uccide un uomo

Il tentativo di effrazione all'alba in una villa di campagna a Bazzano. Cinque i colpi esplosi dal custode
Un'auto della polizia
LOTTA ALL'ILLEGALITÀ

Appalti truccati e corruzione, 10 arresti a Roma

L'inchiesta sull'aggiudicazione di appalti sulla gestione e ristrutturazione del fondo di previdenza del Ministero...
L'intervento degli artificieri
ROMA

Pacco bomba destinato al Viminale: poteva esplodere

Firmato dai "Nemici dello Stato", conteneva inneggiamenti al ritorno di Salvini al Ministero degli Interni
IL PUNTO

Il Governo, fra tensioni e provocazioni

In Italia la maggioranza resta tesa, mentre il Centro-destra è scettico sul futuro dell'esecutivo
FRONTIERE DELL'INNOVAZIONE

Come l'Intelligenza artificiale incide sulla cybersicurezza

Martedì a Roma la conferenza del direttore dell'Agenzia spaziale di Israele Isaac Ben Israel sulle prospettive di un...
Alluvioni in Italia
CLIMATE RISK INDEX 2019

In Italia 20mila morti per "eventi meteorologici estremi"

Siamo al sesto posto nel mondo per numero di vittime e diciottesimi per le perdite economiche
I soccorsi
HAWAII | USA

Spari a Pearl Harbor, due morti

Un militare della marina americana apre il fuoco contro dei civili, 2 vittime e un ferito, poi si suicida

Retribuzioni al palo

I lavoratori italiani percepiscono i salari più bassi tra i paesi OCSE: i paesi più industrializzati...

La terra, metafora dell'uomo

"Laudato si", Signore mio  per papa Francesco, il suo carattere, la sua fede, la sua...
Il presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno
FONDO SALVA STATI

Bruxelles: riforma Mes, tutto deciso

Il presidente dell'Eurogruppo chiude a ogni modifica: accordo politico già raggiunto
OMICIDIO SACCHI

Anastasiya: non sapevo di avere soldi nello zaino

La ragazza risponde alle domande del gip. Ieri gli altri ragazzi coinvolti si erano avvalsi della facoltà di non...