SABATO 01 DICEMBRE 2018, 12:37, IN TERRIS


VATICANO

Il Papa: "I governi devono lottare contro i trafficanti di morte"

L'udienza ai partecipanti del convegno internazionale "Droga e Dipendenze"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"E'

 dovere e compito dei governi affrontare con coraggio questa lotta contro i trafficanti di morte". E' quanto ha affermato Papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti alla conferenza internazionale "Droga e Dipendenze". Il Pontefice ha invitato i presenti a non avere paura di dare queste qualifiche" e ha sottolineato come negli ultimi anni lo spazio virtuale si stia rivelando un ambito sempre più rischioso. "In alcuni siti Internet, i giovani e non solo, vengono adescati e trascinati in una schiavitù dalla quale è difficile liberarsi". 


Riportare al centro la persona

Continuando il suo discorso, il Pontefice, inoltre, ha ribadito come la Chiesa avverta l'esigenza di "instaurare nel mondo moderno contemporaneo una forma di umanesimo che riporti al centro del discorso socio-economico-culturale la persona umana; un umanesimo che ha quale fondamento il Vangelo della Misericordia" e ha auspicato che si crei un maggiore "coordinamento delle politiche antidroga e anti-dipendenze. Non servono politiche isolate: è un problema umano, un problema sociale, tutto deve essere collegato". Papa Francesco, inoltre, ha spiegato come sia necessario creare delle reti di solidarietà e prossimità per aiutare quanti sono affetti da queste patologie, ma anche per continuare a sostenere quanti sono usciti da questo tunnel. "Queste persone hanno bisogno dell'aiuto e dell'accompagnamento di tutti noi". 


Il problema delle droghe e delle dipendenze interpella tutta la comunità

Concludendo il suo discorso, il Pontefice ha voluto sottolineare che il problema delle droghe e delle dipendenze interpella tutta la società. "L'intera comunità nel suo insieme è interpellata dalle attuali dinamiche socio-culturali e dalle forme patologiche derivate da un clima culturale secolarizzato, segnato dal capitalismo di consumo, dall'autosufficienza, dalla perdita dei valori, dal vuoto esistenziale, dalla precarietà dei legami e delle relazioni - ha affermto Francesco - La droga, come già più volte sottolineato, è una ferita nella nostra società che intrappola molte persone nelle sue reti. Sono vittime che hanno perso la loro libertà in cambio di questa schiavitù, di una dipendenza che possiamo definire chimica". 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione

Positivo all’alcoltest chiama il padre, ma è ubriaco anche lui

L’uomo per evitare il sequestro dell’auto si è fatto venire a prendere dai genitori, ma al padre hanno...