GIOVEDÌ 20 SETTEMBRE 2018, 13:00, IN TERRIS


VATICANO

Il Papa: "Chiesa perseguitata dagli ipocriti"

Francesco ha commentato la prima lettera di San Paolo ai Corinzi nell'omelia odierna a Santa Marta

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco a Santa Marta
Papa Francesco a Santa Marta
P

artendo dal commento della prima lettera di San Paolo apostolo ai Corinzi e del Vangelo di oggi, Papa Francesco ha tenuto la sua omelia nella messa di questa mattina a Casa Santa Marta. La riflessione del Santo Padre si è concentrata sulla figura di Gesù.


La misericordia di Gesù

"Gesù - ha detto il Papa - guarda il piccolo gesto di amore, il piccolo gesto di buona volontà, e lo prende e lo porta avanti. Questa è la misericordia di Gesù: sempre perdona, sempre riceve". Francesco ha esortato i fedeli a seguire il modello tracciato da Cristo che richiede misericordia e perdono.


L'ipocrisia

Partendo dall'esempio di Cristo, Papa Francesco ha criticato chi assume un atteggiamento, a suo modo di vedere, troppo rigorista: "'Ma guarda, quale scandalo! Non si può vivere così! Abbiamo perduto i valori… Adesso tutti hanno il diritto di entrare in chiesa, anche i divorziati, tutti. Ma dove stiamo?' Lo scandalo degli ipocriti. Questo è il dialogo tra l’amore grande che perdona tutto, di Gesù, l’amore 'a metà' di Paolo e di questa signora, e anche il nostro, che è un amore incompleto perché nessuno di noi è santo canonizzato. Diciamo la verità. E l’ipocrisia: l’ipocrisia dei 'giusti', dei “puri”, di coloro che si credono salvati per i propri meriti esterni". E sull'ipocrisia, parlando anche della Chiesa, Bergoglio ha insistito: "E la Chiesa, quando cammina nella storia, è perseguitata dagli ipocriti: ipocriti da dentro e da fuori. Il diavolo non ha niente da fare con i peccatori pentiti, perché guardano Dio e dicono: “Signore sono peccatore, aiutami”. E il diavolo è impotente, ma è forte con gli ipocriti. È forte, e li usa per distruggere, distruggere la gente, distruggere la società, distruggere la Chiesa. Il cavallo di battaglia del diavolo è l’ipocrisia, perché lui è un bugiardo: si fa vedere come principe potente, bellissimo, e da dietro è un assassino". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione

Positivo all’alcoltest chiama il padre, ma è ubriaco anche lui

L’uomo per evitare il sequestro dell’auto si è fatto venire a prendere dai genitori, ma al padre hanno...